orcel

Di Girolamo Editore
Trapani 2007
pp. 264
Euro 20

Giovanni Abbagnato

Giovanni Orcel

Vita e morte per mafia
di un sindacalista siciliano. 1887 – 1920

Prefazione di Umberto Santino

Il nome di Giovanni Orcel non figura nei libri di storia della Sicilia più noti e diffusi. Eppure fu un dirigente sindacale (segretario dei metalmeccanici di Palermo) e politico di primo piano, impegnato nello scontro interno al movimento operaio con opportunisti e pseudosocialisti, aperto al dibattito che porterà alla nascita del Partito comunista (1921), protagonista dell’azione di affrancamento dei lavoratori e degli strati popolari dal dominio mafioso e attore di esperienze unitarie tra città e campagna, condotte assieme a Nicolò Alongi, altro dirigente dimenticato, e come lui caduto per mano mafiosa nel 1920, quando già si profilava la minaccia fascista.
Il libro delinea il contesto socio-politico e ricostruisce la vicenda umana e politica di Orcel con una documentazione inedita, basata sulla stampa dell’epoca e su atti d’archivio che ci offrono un’immagine sconvolgente ma prevedibile dell’inchiesta sull’assassinio, più intesa ad assicurare l’impunità agli assassini che a svelarne e perseguirne le responsabilità, con un armamentario già collaudato e destinato a replicarsi, all’insegna delle omissioni colpevoli e del despistaggio garantito.
Come scrive Umberto Santino nel saggio introduttivo, questo lavoro si inserisce pienamente nel quadro dell’attività trentennale del Centro Impastato di Palermo, volta a dare un’immagine adeguata della realtà siciliana, ancora oggi mortificata da rappresentazioni dominate da generalizzazioni e stereotipi.