Umberto Santino

Il banditismo in Sicilia nel secondo dopoguerra

 

L’amministrazione degli Alleati e la ripresa dell’attività politica, tra separatismo e banditismo

L’amministrazione degli Alleati (Allied Military Government of Occupied Territories: Amgot) instaurata dopo la conquista dell’isola, completata nell’agosto del 1943, dura per sette mesi, con a capo il colonnello Charles Poletti, e viene sostituita dall’amministrazione italiana nel febbraio del 1944. La nomina a sindaci di alcuni mafiosi notori, la loro presenza accanto ai governanti alleati appare come una sorta di assunzione diretta del potere. L’isola vede il rapido sviluppo del movimento separatista (alcuni gruppi si erano formati già prima dello sbarco e tra i sindaci figurano esponenti del movimento), la ripresa dell’attività politica (l’autorizzazione alla costituzione dei partiti politici è del gennaio del ’44) e delle lotte contadine, la formazione di bande armate che all’inizio si configurano come prodotto delle condizioni di vita (banditismo sociale) ma alcune di essere saranno coinvolte nello scontro politico. Il mercato nero, l’intrallazzo, è una pratica diffusa e spesso, assieme al rifiuto della leva obbligatoria, è all’origine della scelta di darsi alla latitanza per sfuggire alla repressione.

Già alla fine del ’43 risultano costituite trenta bande e negli anni successivi il numero delle bande cresce notevolmente e si può dire che ogni paese avesse la sua banda. Sono bande rurali, diffuse sia nella Sicilia occidentale che in quella orientale, composte in gran parte da contadini, i capi sono artigiani, piccoli commercianti, modesti impiegati, alcuni con precedenti penali. Ognuna è dotata di un vero e proprio arsenale, con mitragliatrici, mortai e armi pesanti abbandonate dai tedeschi. Le attività comprendono richieste estorsive, rapine, sequestri di persona. La vita delle bande è di solito abbastanza breve, non più di uno o due anni, con qualche eccezione.

La banda di Giuseppe Russo, operante ad Adrano, in provincia di Catania, nel 1944, cessa le attività con l’arresto del suo capo nell’ottobre dello stesso anno. Il processo a 40 componenti si svolgerà nel 1947.

Sempre ad Adrano opera la banda di Vincenzo Stimoli, attiva dal luglio del 1944. Tra i suoi delitti l’uccisione di alcune guardie municipali e del carabiniere Carmelo Costa (11 settembre 1945) durante il conflitto a fuoco in cui Stimoli viene colpito a morte. Il processo a 30 imputati si svolgerà nel maggio-giugno 1949.

A Tortorici, in provincia di Messina, il bandito Antonino Molano comincia con la strage di 5 persone (5 agosto 1945), e sarà ucciso da un bandito della sua banda nel febbraio del 1946.

Della banda faceva parte anche la figlia di Molano, Rosaria. Il processo si svolgerà nel giugno 1950.

Più longeva la banda di Giuseppe Dottore, operante a Centuripe (Enna) dal 1944 al 1946. Dottore si definisce “representanti del popolo” e si firma “il bandito politico” in una lettera al sindaco che accusa di affamare il popolo (Nicolosi 1976, p. 160). I componenti della banda si dicono comunisti, e praticano estorsioni e rapine come forme di “esproprio proletario”. Tra i delitti l’uccisione dell’agente Attilio La Gatta (26 febbraio 1945), del vicebrigadiere Iffrido Mangione e dei carabinieri. Francesco Giuffrida e Giovanni Goffredo (22 marzo 1946). Dottore viene ucciso il 6 agosto 1946 probabilmente da un confidente dei carabinieri. Il processo si svolgerà nel 1949.

La banda di Rosario Avila, o dei niscemesi, operante dal 1944 al 1947 nelle province di Caltanissetta e Catania, nei comuni di Niscemi, Caltagirone, Mineo, Gela, Mazzarino, Piazza Armerina, Aidone, Vittoria, Acate, fa causa comune con i separatisti dall’agosto del 1945 all’aprile del 1946. In quel periodo uccide l’appuntato Michele Di Miceli e i carabinieri Mario Paoletti e Rosario Pagano (16 ottobre 1945) ed è responsabile di uno degli episodi più sanguinosi nello scontro con le forze dell’ordine. Il 10 gennaio 1946 otto carabinieri vengono sequestrati, saranno uccisi il 29 gennaio e i corpi saranno ritrovati il 25 maggio dentro una miniera abbandonata. Le vittime sono il brigadiere Vincenzo Amenduni 39 anni, i carabinieri Mario Boscone 22 anni, Vittorio Levino 29 anni, Emanuele Greco 25 anni, Pietro Loria 22 anni, Mario Spampinato 31 anni, Fiorentino Bonfiglio 28 anni, Giovanni La Brocca 20 anni.

La strage dei carabinieri potrebbe essere avvenuta come ritorsione per i morti di San Mauro, nei pressi di Caltagirone, dove c’era un campo dei separatisti: il 29 dicembre 1945 in un conflitto tra separatisti e carabinieri erano morti lo studente universitario Raffaele Diliberto, l’appuntato dei carabinieri  Giovanni Cappello e per sbaglio il contadino Francesco Caudarella.

Il capo della banda Rosario Avila viene ucciso il 16 marzo 1946, probabilmente ad opera di un altro bandito per intascare la taglia. Gli sopravvive il nuovo capo, Salvatore Rizzo, ucciso il 17 febbraio 1947. Il processo, celebrato nel dicembre 1948, si concluderà con l’ergastolo per i banditi superstiti.

Altre bande operano nel palermitano, la banda Lombardo-Cassarà-Labruzzo a Partinico, la banda Dino-La Marca sulle Madonie, ma la più nota e longeva è quella di Salvatore Giuliano.

 

La banda Giuliano

La banda costituita da Salvatore Giuliano a Montelepre, in provincia di Palermo, ha operato dal 1943 al 1950 e su di essa si è accumulata una copiosa letteratura, dalle testimonianze di congiunti (Attanasio-Sciortino 1985, Giuliano-Sciortino Giuliano 1987, Sciortino1988), di ex banditi, di partecipanti alla guerriglia separatista e di altri (Barone 1968, Mazzola 1996, Soresi 1997), alle analisi e alle narrazioni di protagonisti delle vicende politiche (Montalbano 1988, Li Causi 2008) e poliziesche (Calandra inedito, Spanò 1978, Lo Bianco 1999, Macaluso 2018), alle ricostruzioni di storici e giornalisti (Sansone-Ingrascì 1950, Grasso 1956, Besozzi 1957, Maxwell 1957, Gaia 1962, Di Matteo 1967, Nicolosi 1972-1984, 1977, Addaura 1985, Galluzzo 1985, Magrì 1987, Ruta 1995, Barrese-D’Agostino 1996, Di Lello 1997, Vecchio 1998, Casarrubea 1998, 2001, Renda 2002, Vasile 2004, 2005, Lomartire 2007, Catania 2011, Autori Vari 2014, Orsatti 2017, Petrotta 2018), ai testi di narratori, poeti e cantastorie (Berto 1964, Bella 1980, Puzo 1984, Buttitta 1997, Monroy 2005, Macchiavelli 2015), al cinema (Kezich 1961, Rosi 1961, Visconti 1972, Cimino 1987).

Nell’azione della banda si possono distinguere tre fasi: la prima fase può essere considerata come banditismo sociale, la seconda è dominata dal coinvolgimento con il movimento separatista e la formazione dell’Evis (Esercito volontari per l’indipendenza della Sicilia), la terza, a fianco delle forze anticomuniste, è segnata dalla strage di Portella della Ginestra. Ma ricerche recenti tendono a considerare la carriera di Giuliano e della sua banda fin dall’inizio legata a vicende politiche.

 

Il giovane contrabbandiere

Salvatore Giuliano nasce il 22 novembre del 1922 da Salvatore Giuliano e Maria Lombardo, ritornati a Montelepre dopo sedici anni trascorsi negli Stati Uniti, dove il padre aveva fatto molti lavori ma non era riuscito a fare fortuna. Comincia con l’aiutare il padre nei lavori in campagna, poi fa il fattorino in una società elettrica.

La sua carriera banditesca comincia il 2 settembre 1943 (la Sicilia era governata dall’Amgot) con l’uccisione del carabiniere Antonino Mancino che voleva sequestrargli un carico di grano di contrabbando (il frumento doveva essere portato all’ammasso, ma i primi a trasgredire la disposizione erano i grandi agrari). Il giovanissimo Salvatore Giuliano, 21 anni, per non farsi catturare si dà alla macchia. Seguirà nel dicembre del 1943 l’uccisione del tenente dei carabinieri Aristide Gualtieri, responsabile agli occhi di Giuliano di aver infierito sul padre per costringerlo a rivelare il suo nascondiglio. Ora diventa uno dei fuorilegge più ricercati della Sicilia. Parenti e amici di Giuliano vengono arrestati e nella notte tra il 30 e il 31 gennaio 1944 riescono ad evadere dal carcere di Monreale. È il primo nucleo della banda. Le forze dell’ordine continueranno ad essere bersaglio di Giuliano nei mesi successivi: il 16 settembre 1944, nel corso di uno scontro a fuoco con dei militari, uccide il tenente Felice Testa. La fama del bandito va ben presto oltre il territorio in cui opera, appare come l’ennesima reincarnazione del bandito che toglie ai ricchi per dare ai poveri e nella sua attività epistolare, che comincia fin dai primi tempi della latitanza, si presenta come un difensore di quanti sono della sua stessa condizione: Ecco cosa scrive al maresciallo di Montelepre, Giuseppe Calandra, al suo arrivo in paese: “Vi avviso di non operare arresti ingiustamente. Fate si che noi si viva in pace quel piccolo contrabbandiere che porta un tozzo di pane per sfamare la sua famiglia (…). Se qualcosa d’increscioso è dovuto succedere tra me i vostri militi è dovuto agli atti disumani e gradasseschi che hanno commesso (…). Vi preciso che mi trovo in queste condizioni per avere onestamente portato un tozzo di pane alla mia famiglia” (Calandra, inedito, p. 97). Un povero, ribelle a nome di altri poveri. Ma da lì a qualche tempo si troverà coinvolto in un gioco che va oltre la storia di un povero fuorilegge.

 

Il separatismo e la formazione dell’Evis

Le ricostruzioni e valutazioni del separatismo nelle testimonianze dei protagonisti (Finocchiaro Aprile 1966, Paternò Castello 1977) e negli studi di vari autori (Di Matteo 1967, Barbagallo 1974, Renda 1976, Marino 1979, Nicolosi 1981, Attanasio 1984, Santino 1977, 1997, Cimino 1988) oscillano tra due poli: il movimento indipendentista sarebbe il prodotto di “un profondo smarrimento e di una gravissima confusione” (Renda 1976, p. 23) oppure un “arroccamento tattico” e una “rottura fittizia”, funzionali al conseguimento di un’autonomia regionale favorevole agli interessi dei proprietari terrieri e dei partiti conservatori, rigidamente chiusa a sinistra (Santino 1977, p. 11; 1997, p. 58)?

Il tema ha alle spalle la vicenda del sicilianismo e dell’ideologia sicilianista (Marino 1971) che rimonta al XVIII secolo, come reazione al riformismo borbonico da parte dei baroni che vedevano messo in crisi il loro dominio. Si può dire che il ricorso al sicilianismo abbia avuto una costante: esso “rigermina ogni volta che classi o frazioni di classe dominanti in Sicilia hanno da difendere o da far valere i loro interessi” (Santino 1997, p. 43). E il gioco si ripete con l’appello a tutta la popolazione in nome dell’”unità nazionale”siciliana e della “Patria siciliana”. Così c’era stata una rifioritura sicilianista in veste antigiolittiana, quando le cose si mettevano male per gli agrari isolani, e durante il fascismo come reazione della proprietà latifondistica alla politica agraria del regime. Nel 1941 il barone Lucio Tasca pubblica il libretto Elogio del latifondo, che diventa il manifesto della reincarnazione del sicilianismo. Tasca sarà nominato dall’Amgot sindaco di Palermo.

Il Cis (Comitato per l’indipendenza della Sicilia) si costituisce nel luglio del ’43 e quando arrivano a Palermo gli Alleati fa affiggere manifesti in cui si chiede “il concorso delle grandi Nazioni Unite al fine della costituzione del nuovo Stato di Sicilia” (in Marino 1979, p. 19). Successivamente redige un Memorandum in cui si afferma che il popolo siciliano aspira all’indipendenza e alla sovranità nazionale. Su questa base si costituisce il Mis (Movimento indipendentista siciliano), in cui si incrociano varie anime. Di gran lunga prevalente è l’anima conservatrice ma c’è anche un’anima democratica, rappresentata nella Sicilia occidentale da Antonino Varvaro (che nel febbraio del 1947 si stacca dal Mis e fonda il Misdr:Movimento per l’indipendenza della Sicilia democratico e repubblicano, poi passerà al Pci), e un’altra con aspirazioni rivoluzionarie, incarnata da Antonio Canepa. Sua è l’iniziativa di costituire i primi gruppi armati che formeranno l’Evis (Esercito volontari per l’indipendenza della Sicilia) ma presto scomparirà dalla scena. Il 17 giugno 1945 viene ucciso da una pattuglia di carabinieri assieme a due fedelissimi.

I capi del movimento che hanno già stabilito collegamenti con i capimafia (al convegno a casa Tasca a Mondello, la spiaggia di Palermo, del 6 dicembre 1943, ha partecipato Calogero Vizzini) ora ritengono che per dare corpo all’Evis bisogna ingaggiare le bande armate, e in particolare quella dei niscemesi di Rosario Avila e la banda Giuliano. L’incontro tra Giuliano e i capi separatisti Concetto Gallo, comandante dell’Evis, il duca di Carcaci e Attilio Castrogiovanni, avviene a fine maggio 1945. L’idea dei dirigenti del Mis è di fare spostare la banda nel catanese per congiungerla alla banda Avila-Rizzo ma Giuliano vuole rimanere nel territorio che conosce bene: “Supra i lastruni sciddicu” (sul lastricato scivolo) dice. Viene nominato colonnello dell’Evis, rimarrà in provincia di Palermo e comincerà la sua guerra con le forze dell’ordine in nome del separatismo. La prima operazione è un attacco, fallito, alla caserma di Pioppo, frazione di Monreale. Sarà il primo di una lunga serie.

Il primo ottobre alcuni capi separatisti, tra cui il fondatore Finocchiaro Aprile e Antonino Varvaro vengono arrestati e inviati al confino nell’isola di Ponza. A fine dicembre il gruppo comandato da Giuliano, che ora comprende giovani indipendentisti, assedia le caserme dei carabinieri di Bellolampo e Grisì, il 18 gennaio del ’46 tende un’imboscata e uccide quattro militari: Angelo Lombardi, Vittorio Epifani, Vitangelo Cinquepalmi, Imerio Piccini. D’accordo con la mafia (pare che sia stato affiliato formalmente) compie rapine, estorsioni e sequestri di persona per finanziare il movimento. Fonda un Movimento per l’annessione della Sicilia alla confederazione americana (Masca) autoproclamandosi capo e sui muri di paesi e città compare un manifesto in cui un uomo taglia la catena che lega la Sicilia all’Italia mente un’altra catena la lega agli Stati Uniti. Con la scritta: “A morte i sbirri succhiatori del popolo siciliano e perché sono i principali radici fascisti, viva il separatismo della libertà”. E sottolineato il suo nome: Giuliano.

Nel frattempo i dirigenti del Mis hanno cambiato rotta. Lucio Tasca, che era stato tra i più convinti della necessità di arruolare i banditi, dichiara che il movimento non ha alcun rapporto con l’Evis; Finocchiaro Aprile nel marzo del ’46 lascia il confino e dichiara che gli aderenti al Mis intendono restare italiani. Sono cominciate le grandi manovre che porteranno i separatisti nell’alveo istituzionale, con la presentazione alle elezioni per l’Assemblea costituente, con l’elezioni di quattro di loro, e con l’amnistia per i reati politici. Ma sono esclusi i responsabili di reati comuni, come i componenti delle bande armate. Tra cui una delle più attive continua ad essere quella di Giuliano.

A fine anno un rapporto ufficiale traccia un bilancio pesantissimo delle vittime della banda Giuliano e di altre bande: 56 carabinieri deceduti in conflitti con malfattori, 45 in altre operazioni di servizio, 169 feriti in conflitti a fuoco, 588 in altre operazioni.

 

Contro la “canea rossa”

In un testo rimasto a lungo inedito e solo da poco pubblicato in volume, Girolamo Li Causi, segretario regionale del Partito comunista, parla di

una certa confusione politica fra alcuni strati di giovani compagni, specie in provincia di Palermo, che tendevano ad identificare gli obiettivi perseguiti dal bandito (Giuliano) con quelli del movimento comunista; di questo si ebbe manifestazione a Piana degli Albanesi dove una famiglia di dirigenti comunisti, rivelatisi poi agenti provocatori, imbastiva dimostrazioni popolari per un’alleanza politica e di lotta armata tra la banda Giuliano e il movimento comunista stesso. A questo proposito è da sottolineare la ferma, decisa, intransigente azione del nostro partito in Sicilia contro qualsiasi commistione del movimento rivendicativo delle masse lavoratrici sul terreno politico e sociale con il banditismo (Li Causi 2008, p. 49).

Tale “confusione” poteva esserci stata all’inizio della carriera banditesca di Giuliano, poiché le sue scelte sono ben presto, o saranno da lì a qualche tempo, apertamente anticomuniste.

Negli ultimi anni, sulla scorta dei documenti dissecretati dei servizi segreti inglesi e americani, si è ricostruito un quadro di quel periodo, in cui si incrociano gruppi nazifascisti, mafia e banditismo. Tra i gruppi nazifascisti figurano i Far (Fasci di azione rivoluzionaria), l’Eca (Esercito clandestino anticomunista), le Sam (Squadre azione Mussolini), la Decima Mas di Julio Valerio Borghese, le Brigate nere, congiunti in una Rete Invasione per rioccupare le zone conquistate dagli Alleati, a cui si sarebbero aggiunti successivamente i servizi segreti americani (Organization strategic services: Oss) e italiani (Servizio informazioni militari: Sim) per organizzare la reazione a un’eventuale conquista del potere da parte dei comunisti e a un’invasione sovietica.

Giuliano avrebbe fatto parte di questa Rete fin dal 1943; dopo l’assassinio del carabiniere Mancino si sarebbe messo sotto l’ala protettiva del principe Pignatelli, uno dei capi nazifascisti (Casarrubea-Cereghino 2009, p. 84), sarebbe stato arruolato nella Decima Mas e avrebbe incontrato in varie località, lontane dalla Sicilia, capi del neofascismo. La sua sarebbe una banda eversiva agli ordini dei capi nazifascisti.

Per quanto riguarda la mafia, decisivo sarebbe stato il ruolo di Lucky Luciano, in Sicilia dal maggio al giugno del 1947 (Ivi, p. 194). Luciano avrebbe convinto la mafia a partecipare alla strage di Portella e in quel periodo sarebbe nata l’organizzazione Cosa nostra, tra Sicilia e Stati Uniti.

Il fronte anticomunista mirava a organizzare “incidenti” che avrebbero dovuto spingere il Partito comunista alla rivolta, che avrebbe innescato la repressione e il colpo di stato. Sarebbero le premesse per l’organizzazione Gladio o Stay behind.

 

La strage di Portella della Ginestra e la caduta del governo di coalizione antifascista

La strage di Portela del primo maggio 1947, dieci giorni dopo la vittoria del Blocco del popolo, che raggruppava le forze di sinistra, alle prime elezioni regionali, si inserirebbe in questa strategia eversiva. In ogni caso segna il culmine dell’offensiva che mirava alla repressione del movimento contadino e alla espulsione dall’area governativa del partiti di sinistra. Nel corso del mese di maggio crolla la coalizione antifascista, formata dalla Democrazia,cristiana, dal Partito comunista, dal Partito socialista e dal Partito d’azione e la Dc si allea, sia a Roma che a Palermo con le forze conservatrici (tra cui i monarchici, ex fascisti) che furono indicati come mandanti della strage.

Per preparare la strage ci sarebbero stati tre incontri: uno dei mafiosi locali in una masseria vicina al luogo della strage, un altro dei banditi, un terzo a Roma tra i capi dei movimenti neonazisti e neofascisti (Ivi, p. 196).

Qualche giorno prima della strage il cognato di Giuliano, Pasquale Sciortino, avrebbe recapitato al capobanda una lettera. Si dice che Giuliano dopo averla letta e bruciata abbia detto: “È venuta l’ora della nostra liberazione”. Aggiungendo che il primo maggio sarebbero andati a Portella della Ginestra a sparare ai comunisti. Suo proposito era sparare sui manifestanti, com’è accaduto, o sequestrare e uccidere i dirigenti comunisti? Si attendeva che a Portella ci fosse il segretario regionale Li Causi, ma l’oratore designato era il giovane dirigente sindacale Francesco Renda.

L’8 maggio del 1947, una settimana dopo la strage, Giuliano incontra il capitano dell’esercito americano e giornalista Michael Stern, presumibilmente legato ai servizi segreti americani (ma incontri con Stern ci sarebbero stati già nei mesi precedenti) e gli affida un messaggio per il presidente Truman, in cui racconta le sue vicende, dice che è stato sempre annessionista, ma durante la dittatura fascista non poteva manifestare i suoi sentimenti filoamericani, descrive il manifesto con la catena che unisce l’isola all’America, ed acclude una fotografia, scrive che i separatisti che ha aiutato ad essere eletti deputati lo hanno abbandonato ed è rimasto solo con i suoi uomini. Espone le ragioni per cui la Sicilia dovrebbe diventare la 49a stella americana: la Sicilia rischia di cadere preda dei russi, è stata trattata dall’Italia come una colonia (e cita Alfredo Oriani che descriveva la Sicilia come un cancro al piede dell’Italia), chiede l’appoggio morale degli Stati Uniti e conclude:

Si è già costituito in Sicilia il fronte antibolscevico, disposti come siamo a tutto osare pur di abbattere il comunismo nella nostra Isola. Non potevamo restare indifferenti di fronte al dilagare della canea rossa… Io lotterò una doppia battaglia. Una segretamente contro i comunisti facendoli piano piano sparire dalla vita politica siciliana. L’altra apertamente capeggiata non da me perché darebbe adito negli ambienti internazionali a critiche per alleanza con un bandito, ma diretta da uomini liberi da me sostenuti e fortemente appoggiati in tutti i sensi (brani del testo, con qualche variante, in Sansone- Ingrascì 1950, pp. 147 s., e Barrese-D’Agostino 1997, pp. 136 ss.).

La lettera a Truman viene cestinata, con un appunto inequivocabile: “è un delinquente che si atteggia a Robin Hood” (Petrotta 2009, p. 207 ).

 

Il fronte antibolscevico

Chi c’era nel “fronte antibolscevico” siciliano? Chi redige da un certo momento in poi gli scritti di Giuliano in buon italiano e con riferimenti e argomentazioni troppo al di là della sua portata? Il quadro delineato attraverso la lettura dei documenti dei servizi segreti è alquanto diverso da quello che veniva tratteggiato dalla pubblicistica del tempo.

Il “fronte antibolscevico” a cui si riferisce Giuliano nel suo messaggio al Presidente Truman si era costituito a Palermo con il finanziamento dei monarchici e di alcuni industriali e commercianti fascisti. Gli aderenti furono raccolti fra la teppaglia e il sottoproletariato che popola i quartieri più miserabili della città. Per un pugno di fave e pochi chili di pasta, pregiudicati, ammoniti, ex ergastolani misero al servizio dei nuovi padroni le loro grinte paurose, prestandosi a sfilate provocatorie lungo le vie di Palermo. Ma il “fronte antibolscevico”, organizzato a scopo intimidatorio e dimostrativo, non riuscì a compiere una serie di azioni di disturbo nei confronti dei partiti popolari (Sansone-Ingrascì 1950, pp. 148 s.).

Nel suo memoriale il maresciallo Calandra riporta una lettera di un Comitato esecutivo di una Formazione organica reali carabinieri anticomunisti (Forca), in cui lo invitano a far parte di un’organizzazione clandestina sorta “allo scopo di difendersi e difendere la nazione del pericolo rosso, il comunismo, le cui squadre di azione cominciano a farsi sentire attraverso i recenti assalti alle nostre caserme”. Il maresciallo esprime la sua perplessità, constata che gli assalti alle caserme erano opera della banda Giuliano e ritiene che la lettera “costituisse un tentativo di amici di Giuliano per compromettermi e farmi cadere in disgrazia presso i superiori oppure che esso costituisse un diversivo e che col pretesto dell’anticomunismo il separatismo volesse in realtà attirarmi a collusioni clandestine con esponenti dell’EVIS (Calandra, p. 131). Quindi la lettera, di cui Calandra non indica la data, risalirebbe a tempi precedenti. Calandra consegna la lettera ad un superiore e poco dopo riceve una seconda lettera sempre a firma del Forca, in cui viene ribadito l’invito: “Uniamoci compatti e partiamo alla riscossa contro il comunismo oppressore” (ivi, p. 133). Ma non si hanno altre notizie sulla fantomatica organizzazione.

Giuliano non chiedeva agli americani solo “appoggio morale”. Nei primi di giugno viene catturato un gregario della banda e gli fu trovata in tasca una lettera a Stern in cui il capobanda chiedeva “armi pesanti”.

L’offensiva anticomunista avviata con la strage di Portella continuava il 22 giugno con gli attentati alle sezioni del Pci di Partinico (vengono colpiti a morte Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Jacono), di Borgetto e Cinisi, alle sedi della Camera del lavoro di Carini e San Giuseppe Jato e alla sezione socialista di Monreale. A Borgetto, Carini e Partinico e San Giuseppe gli attentatori furono i banditi, a Monreale e Cinisi gli attentati furono opera di mafiosi locali.

Nei pressi della sezione comunista di Partinico vengono trovati dei manifestini firmati da Giuliano, in cui incita a lottare contro la “canea di rossi” e invita a recarsi nel feudo di Sagana dove dice di aver organizzato un ”quartiere generale” e promette sussidi alle famiglie. Il testo sembra della stessa mano che ha vergato il messaggio al Presidente Truman.

Se la strage di Portella, gli attentati del 22 giugno, gli assassinii di dirigenti e militanti delle lotte contadine che si susseguono in quegli anni volevano essere una trappola per il Partito comunista e le sinistre, quel che è certo è che la trappola non è scattata. Non è scattata neppure con l’attentato a Togliatti del 14 luglio 1948. Ci furono manifestazioni in tutta Italia, con un bilancio pesantissimo: 20 morti e 200 feriti, ma non ci fu un’insurrezione. Il golpe non c’è stato, in quegli anni, perché non ce n’è stato bisogno. L’esclusione delle sinistre dal governo nel maggio del ’47 e la vittoria della Dc alle elezioni del 18 aprile 1948 hanno aperto la strada all’egemonia democristiana esercitata con il sostegno dei partiti subalterni, emarginando le frange eversive, riciclate parzialmente nel Movimento sociale e ricacciate nell’ombra dove hanno continuato a tramare in attesa di nuove occasioni.

 

Fra’ Diavolo e l’ispettore Messana. Dall’Ispettorato di polizia al Corpo forze repressione banditismo.

La notte del 26 giugno 1947, quattro giorni dopo gli attentati alle sedi dei partiti di sinistra, nei pressi di Alcamo c’è uno scontro tra un gruppo di banditi e i carabinieri, accorsi in seguito a segnalazione anonima; quattro banditi vengono uccisi, il quinto è ferito. Il capitano Giallombardo lo interroga e il bandito si limita a dire che è un confidente dell’ispettore Messana. Secondo la versione ufficiale segue una colluttazione tra il bandito e il capitano che uccide il bandito. Su sollecitazione di Messana il capitano sarà trasferito in Calabria: uno dei tanti episodi del mancato collegamento e dell’avversione tra carabinieri e polizia. Il bandito è Salvatore Ferreri, detto Fra’Diavolo, originario di Alcamo, una delle figure più inquietanti della banda Giuliano. Li Causi, nella seduta dell’Assemblea costituente del 15 luglio, ne tracciava il profilo: era evaso da un penitenziario dell’Alta Italia, aveva partecipato agli attentati del 22 giugno, aveva compiuto innumerevoli omicidi, eseguito sequestri di persona. Questo criminale era il confidente di Messana. Il segretario del Pci siciliano conclude: “Si ha la precisa impressione che il banditismo politico in Sicilia sia diretto proprio dall’ispettore Messana” (Sansone-Ingrascì, 1950, p. 154).

Messana, giovane commissario a Riesi, nel 1919 aveva ordinato il massacro di manifestanti, indicato come criminale di guerra per la sua attività come questore a Lubiana dal 1941 al ’42 (torture, uccisioni, stragi e deportazioni contro i partigiani titini: Casarubea-Cereghino 2009, p. 197), era stato inviato in Sicilia alla fine del ’44 per gestire l’ordine pubblico. Con decreto legge del 26 ottobre 1945 del luogotenente del regno Umberto di Savoia viene istituito l’Ispettorato generale di pubblica sicurezza per la Sicilia, con il compito di affiancare e integrare l’azione degli organi locali di polizia nella repressione della delinquenza, ma in realtà non ha poteri effettivi, ha scarsi mezzi e deve fare i conti con i problemi interni alla polizia e con la storica competizione con l’arma dei carabinieri. Messana viene nominato ispettore e resterà in Sicilia fin dopo la strage di Portella e gli attentati del 22 giugno. Li Causi chiede al ministro Scelba di licenziarlo, Scelba risponde che Messana stava debellando il banditismo in Sicilia (infatti, con la collaborazione di capimafia, decine di banditi erano stati uccisi o arrestati) ma ora non se la sente di confermarlo nell’incarico.

Al posto di Messana vengono mandati altri ispettori (Coglitore, Modica, Spanò), l’ultimo ispettore è Ciro Verdiani, già collega di Messana in Jugoslavia e poi questore di Roma. Continua a servirsi della collaborazione di mafiosi, tra questi c’è il capomafia di Partinico Santo Fleres, che dà informazioni sulle attività delle bande Labbruzzo e Giuliano. Fleres viene ucciso il 17 luglio del 1948 nel centro del paese, tra la folla di una sera di festa.

Nel 1949 Verdiani viene esonerato, ma continuerà ad occuparsi di Giuliano. Lo incontra il 23 dicembre del 1949 e quando viene a sapere dei rapporti del Cfrb con Pisciotta, gli scrive: “Guardati da tuo cugino Gaspare”. Da una lettera inviatagli da Giuliano risulta che il bandito, grazie all’ispettore, si era incontrato con il procuratore Emanuele Pili: “… e se egli vuole parlarmi sono pronto a incontrarlo di nuovo, mi farebbe piacere perché sarebbe di grande conforto” (in Spanò 1978, p. 197). Verdiani voleva avere il merito della resa o cattura del bandito, strappandolo al Cfrb. Morirà, per arresto cardiaco, o per avvelenamento o suicida, nel 1952.

Nell’agosto del 1949 l’azione repressiva era stata affidata a un nuovo organismo, il Corpo forze repressione banditismo (Cfrb), alle dirette dipendenze del ministero dell’Interno, sotto il comando del colonnello dei carabinieri Ugo Luca, con l’invio di 1.500 carabinieri e 500 poliziotti. Continua il rapporto con mafiosi come Ignazio, Calcedonio e Nino Miceli e Benedetto Minasola di Monreale, Domenico Albano di Borgetto, Giuseppe Marotta di Castelvetrano e grazie alla loro collaborazione alcuni banditi vengono consegnati o uccisi. Ucciso dopo la consegna è Salvatore Pecoraro, ucciso in conflitto a fuoco Rosario Candela,consegnati Frank Mannino, Castrense Madonia e Giuseppe Badalamenti. Un altro bandito, un capobanda, Giuseppe Labbruzzo, viene trovato morto in fondo a un pozzo.

 

Il bandito-capoelettore e i memoriali su Portella

Negli ultimi anni di vita Giuliano tenta di discolparsi per la strage di Portella, appoggia esplicitamente il Partito monarchico e la Democrazia cristiana, le forze politiche da cui si attende l’impunità (alle elezioni regionali del 20 aprile 1947 aveva appoggiato Varvaro, ma non era stato eletto) e rivolge le sue armi contro le forze dell’ordine che gli danno la caccia.

Il 20 settembre 1947 sul quotidiano comunista “La Voce della Sicilia” compare una lettera del bandito, questa volta in un pessimo italiano, in cui rigetta ogni responsabilità per la strage di Portella e si autodefinisce “amatore dei poveri e nemico dei ricchi”. Li Causi risponde con una predizione : “Tu sei perduto, la tua vita è finita; sarai ucciso o a tradimento dalla mafia che oggi mostra di proteggerti o in conflitto con la polizia” e un invito: “Denunzia alto e forte … chi ha armato la tua mano, chi ti ha indotto a commettere e far commettere la catena infinita di delitti da cui molto sangue è stato sparso; inchioda alla loro responsabilità tutti coloro che ti hanno indotto al delitto e ora ti abbandonano e ti tradiscono” (in Sansone-Ingrascì 1950, pp. 250 s.).

Giuliano non risponde all’invito di Li Causi e prende parte attivamente, a suo modo, alla campagna elettorale per le elezioni politiche del 18 aprile 1948. Rivolge un appello agli elettori, evidentemente di altra mano, invitandoli a ripudiare “i falsi dei comunisti” e a sostenere le forze “democratiche”: “qualunque governo veramente democratico, formato da uomini sani animati dai migliori principi umani e civili, può sistemare ogni cosa e darvi quella agiatezza che tutti fiduciosi attendiamo” (ivi, p. 158). A Montelepre, dove il Fronte democratico popolare non riesce a fare il comizio e il dirigente democristiano Bernardo Mattarella parla a una folla osannante e riceve mazzi di fiori anche dai familiari del bandito, il risultato delle urne è inequivocabile: la Dc ha 1.539 voti, il Partito monarchico 1.034, il Fronte popolare 26.

La risposta di Giuliano all’azione delle forze dell’ordine è una sequela di uccisioni e di massacri. Tra i più sanguinosi l’eccidio di Portella della Paglia del 2 luglio 1949, con la morte di 5 agenti: Carmelo Agnone, Candeloro Catanese, Carmelo Lentini, Michele Marinaro, Quinto Reda, e quello di Bellolampo, del 19 agosto, con 7 caduti: Giovan Battista Aloe, Armando Loddo, Sergio Mancini, Pasquale Marcone, Antonio Pabusa, Gabriele Palandrani, Ilario Russo.

Il bandito appare ancora introvabile, ma nell’inverno del ’49 si reca da lui la giornalista svedese Maria Cyliakus e a dicembre il giornalista Jacopo Rizza con un fotografo e un cineoperatore. I loro servizi rilanciano il mito del bandito romantico e imprendibile. Solo le forze dell’ordine non riescono a raggiungerlo. Ma la banda ormai è ridotta a pochi elementi e attorno al capo il cerchio si stringe sempre di più”, espressione ricorrente sulla stampa del tempo, non tanto per l’azione militare quanto per l’azione di mafiosi che ormai vedono il bandito come un peso di cui sbarazzarsi. Sarebbe stato il mafioso di Monreale Benedetto Minasola ad organizzare un incontro tra Gaspare Pisciotta e il colonnello Luca in cui il luogotenente di Giuliano avrebbe contrattato il prezzo del tradimento: una taglia, l’espatrio. E un salvacondotto apocrifo a firma del ministro Scelba, che però non poteva non sapere cosa si stava tramando per eliminare Giuliano. Sarebbe scattata così la trappola che porterà alla notte del 5 luglio 1950 in una casa di Castelvetrano.

Intanto è cominciato il processo per la strage di Portella e Giuliano nell’aprile del 1950 invia un memoriale, in gran parte di altra mano, in cui accenna al “tradimento separatista”, attacca i “caporioni comunisti” che “diedero ordine ai contadini di fare la spia ai banditi”, definiti “confratelli di classe e di sventura”, racconta la sua versione: dovevano fare una sparatoria intimidatoria ma il giorno dopo hanno appreso dai giornali dei morti e feriti. La spiegazione: a qualcuno è tremata la mano o non si è regolato bene. Allora ha pensato di eliminare i capi comunisti e ha fatto un attentato, fallito, a Li Causi. Si definisce “il nemico uno dell’ingiustizia sociale” e riassume così le sue giustificazioni: non ha mai sparato contro uomini inermi, non poteva sparare contro gente della sua stessa classe e che ha cercato di aiutare, non è un ricco feudatario, non è a servizio dei patrizi, anzi è loro nemico. È figlio di in lavoratore e non ha mai dimenticato il “continuo sacrificio dei poveri lavoratori ” (in Barrese-D’Agostino 1997, pp. 189-196). Questa è la “verità” di Giuliano, che esclude qualsiasi intervento o pressione esterni.

C’è un secondo memoriale, in data 28 giugno, pochi giorni prima dell’uccisione, in cui Giuliano

afferma che le dichiarazioni degli imputati sono state estorte con la tortura, che non è vero quello che dice Giovanni Genovese, che aveva parlato della lettera recapitagli dal cognato e aveva ricordato la frase: “E’ arrivata l’ora della nostra liberazione” e l’annuncio dell’azione armata contro i comunisti: la lettera gli era arrivata dall’America e riguardava l’espatrio di Sciortino. Poi parla delle voci sulla responsabilità come mandante della strage del ministro Scelba, le smentisce e si assume per intera la responsabilità di quanto è accaduto, ma solo per un errore (Ivi, pp. 277-282).

I due memoriali, secondo Pisciotta e l’avvocato Crisafulli ispirati da Verdiani e dal monarchico Cusumano Geloso, vengono considerati come la sottoscrizione della condanna a morte. Si legge nel libro di Barrese e D’Agostino: “Ora che si è assunto ogni responsabilità,’prudenza’ vuole che gli si tappi la bocca, prima che eventi prevedibili o imprevedibili lo consiglino a svelare circostanze compromettenti. Tanto più che si ritiene che vi sia un terzo memoriale, che Pisciotta definisce ‘quello vero’” (Ivi, p. 282).

 

“Di sicuro c’è solo che è morto”

Questo era il titolo del servizio di Tommaso Besozzi su l’Europeo del 16 luglio 1950, che rivelava la messinscena del conflitto a fuoco in cui secondo la versione ufficiale del colonnello Luca, accolta dal ministero degli Interni, Salvatore Giuliano sarebbe stato colpito a morte la notte del 5 luglio.

Successivamente sono circolate altre versioni ma finora la più accreditata è quella secondo cui Giuliano sarebbe stato ucciso nel sonno dal luogotenente Gaspare Pisciotta. Secondo altre versioni (se ne contano 16) a uccidere Giuliano sarebbe stato Luciano Liggio, oppure Giuliano sarebbe stato ucciso altrove, a Monreale dalla mafia locale, e poi il suo corpo portato a Castelvetrano.

Nel 1954 il ministro Scelba dà incarico a tre generali di indagare sulla condotta di Luca. I generali Biglino, Carmineo e Pizzorno in sedici giorni redigono una relazione in cui descrivono le difficili condizioni in cui Luca ha svolto il suo lavoro e i successi ottenuti. Non riuscendo a catturare Giuliano aveva deciso di “passare a più radicali iniziative”, alleandosi con il diavolo, cioè accaparrandosi come confidente Pisciotta, “il quale, visto l’evidente declino della potenza del capo, desiderava separare dalla sorte di questi, la propria sorte”. I relatori ricordano che si tratta di un atto “non nuovo negli annali del brigantaggio, ma nuovo in quanto si trattava della persona stessa di assoluta fiducia del bandito”. Pisciotta informa Luca che Giuliano si trova a Castelvetrano e l’allora colonnello diventato poi generale fa un piano: attrarre Giuliano in un agguato per catturarlo. Ma Pisciotta si accorge che Giuliano è “a giorno… del pericolo che lo minacciava” (“attraverso informazioni delle quali è inutile indagare le origini, ma che il Pisciotta credeva allora dovute addirittura a tradimento dell’arma”) e gli spara. Quindi fugge, il capitano Perenze accorre nella stanza dov’era Giuliano e spara una raffica sul suo corpo, che poi viene portato nel cortile. Il seguito si spiega con lo scopo di non “bruciare” il confidente Pisciotta, “la cui opera appariva preziosa per la completa eliminazione della banda”. Luca che attendeva fuori paese accorre sul posto, trova una folla di curiosi ma pure autorità, giornalisti, prende atto di quanto è accaduto, “cosicché la situazione creata dal capitano Perenze con la versione da lui data dei fatti, ebbe modo di cristallizzarsi rapidamente”, e fa spedire il messaggio in cui si parla di inseguimento e di conflitto con il bandito. Commentano i relatori: “È facile immaginare come, in quel momento, per il generale Luca, il ‘modo’ dell’azione avesse ben poco rilievo di fronte a quel ‘risultato’ dell’azione”. Successivamente Luca ha saputo la verità ma non ha ritenuto di dover informarne l’autorità superiore per “una ragione di esigenza tecnico-militare”. Di questo avviso è anche il procuratore generale militare, secondo cui Luca non ha violato “le leggi dell’onore militare e le norme della disciplina militare”. Pertanto la commissione “conclude di nulla aver da eccepire sulla condotta del generale Luca” (In Testo integrale… vol. II, pp. 405-407, 1379-1381). Il documento, tenuto segreto per sedici anni, sarà presentato alla Commissione parlamentare solo nel 1970.

 

La trinità secondo Gaspare Pisciotta

Pisciotta viene arrestato nel dicembre del 1950, cinque mesi dopo la morte di Giuliano, per qualche tempo gli fa da angelo custode il capitano Perenze, principale collaboratore  del colonnello Luca e organizzatore della messinscena di Castelvetrano. L’arresto è opera del questore Marzano il quale dichiara, con evidente polemica con l’operato del Cfrb, che lui i banditi li prende vivi.

Durante il processo per la strage di Portella, nell’udienza del 16 aprile 1951, Pisciotta dà mandato all’avvocato Crisafulli di leggere una lettera con una sua dichiarazione: “…mi voglio permettere essendo scoccata l’ora solenne di mettere in conoscenza quanto segue: avendo io personalmente concordato con il ministro dell’interno Mario Scelba, è stato da me ucciso Salvatore Giuliano” (Barrese-D’Agostino 1997, p. 284).

La dichiarazione suscita il comprensibile interesse della stampa, ma la Corte eccepisce che l’omicidio di Giuliano è estraneo al processo e quindi non è consentito a Pisciotta di fare altre dichiarazioni. Il procuratore Tito Parlatore trasmette la lettera alla procura di Palermo.

Riguardo alla strage, Pisciotta prima si dice estraneo ai fatti poi, nell’udienza dell’11 maggio 1951, ricostruisce le vicende personali e della banda: ha fatto parte delle bande e del movimento separatista, non si vergogna di dirlo a differenza degli ex capi del movimento, dopo l’amnistia hanno avuto rapporti con il Partito monarchico e la Democrazia cristiana “i quali ci promisero che se avessero ottenuto la vittoria nelle elezioni noli tutti saremmo stati liberi e che altrimenti ci avrebbero fatti andare tutti in Brasile nelle terre del principe Alliata”. Conosce il monarchico Giacomo Cusumano Geloso e nel 1946 ci furono abboccamenti tra Cusumano e Giuliano e pure con gli onorevoli Marchesano, Alliata e Mattarella: “Io ho assistito ai colloqui che avvennero tra costoro e Giuliano e fu precisamente da questi che Giuliano fu mandato a sparare a Portella della Ginestra”. La lettera di cui parla Genovese fu portata da Cusumano ed era di Scelba. Ne ricorda il contenuto: “Caro Giuliano, noi siamo sull’orlo della disfatta del comunismo. Col vostro e col nostro aiuto noi possiamo distruggere il comunismo. Qualora la vittoria sarà nostra voi avrete l’impunità su tutto”. Il giorno dopo però fa marcia indietro su Scelba. In un’altra udienza, a proposito dei rapporti con la polizia, dice: “Rapporti con la polizia ne avevamo. Posso dire che banditismo e polizia erano una cosa. La polizia era la testa e noi il corpo. O meglio: banditismo, mafia e polizia costituivano la trinità” (Ivi, pp. 286 s.). Erano come il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Il processo si conclude con la sentenza di condanna all’ergastolo di 12 banditi, tra cui Pisciotta, come esecutori della strage, ma ignora il ruolo dei mandanti. D’altra parte il Pm Parlatore non esercita l’azione penale nei confronti dei personaggi di cui si sono fatti i nomi.

Pisciotta minaccia di fare rivelazioni eclatanti nei processi successivi ma il 9 febbraio 1954 in una cella del carcere palermitano dell’Ucciardone, condivisa con il padre, morrà dopo aver bevuto una tazzina di caffè alla stricnina.

 

Pasquale Sciortino e il “boia” Passatempo

Tra i condannati all’ergastolo per la strage di Portella c’è Pasquale Sciortino, marito della sorella di Giuliano, Mariannina (la pena in appello sarà ridotta a 26 anni di carcere). Condannato in contumacia perché in quegli anni Sciortino era in Corea con l’esercito americano. Era espatriato sotto falso nome negli Stati Uniti nell’agosto del 1947, pochi giorni dopo il matrimonio. Ha fatto il cassiere in un’azienda e il radio-annunciatore in una stazione trasmittente in California (conosceva l’inglese e lo spagnolo). Dovette fare ritorno in Italia nel 1953 ed è stato in carcere fino al 1973.

Ha pubblicato un romanzo sulla vita carceraria (Sciortino 1974) e ha ricostruito le vicende di quegli anni in due libri (Attanasio-Sciortino 1985, Sciortino1988).

Perla strage di Portella Sciortino si attiene alla tesi del cognato: doveva essere una spedizione punitiva per sequestrare Li Causi; l’eccidio fu causato da un gregario della banda, Giuseppe Passatempo, detto “il boia”, che contravvenendo agli ordini sparò sulla folla. Non ci furono mandanti esterni né per Portella né per gli attentati del 22 giugno.

Questa tesi che attribuisce la strage a uno o più banditi “disobbedienti”, e in particolare a Passatempo, che avrebbe usato una mitragliatrice Breda, coadiuvato da Salvatore Ferreri, Fra’ Diavolo, è ripresa dal figlio di Sciortino che parla anche della partecipazione alla sparatoria di una squadra organizzata dalla mafia e da esponenti della Democrazia cristiana con la complicità dell’ispettore Messana (Giuliano-Sciortino Giuliano 1987, pp. 239-243). L’immagine di Giuliano tratteggiata dai familiari è quella di un eroe popolare che ha speso tutta la vita in nome dell’ideale separatista e l’avversione per Li Causi viene ricondotta a un accordo che ci sarebbe stato tra il bandito e il segretario regionale del Pci per le elezioni del 20 aprile 1947. Li Causi si sarebbe impegnato a far votare i comunisti indipendentisti per Varvaro assicurandone l’elezione all’Assemblea regionale. Non sarebbe stato ai patti e Giuliano avrebbe pensato di punirlo sequestrandolo e processandolo davanti alla folla il primo maggio a Portella. La ricostruzione è priva di qualsiasi riscontro.

 

“Non doversi procedere” per l’omicidio di Giuliano e una tomba aperta…

Il procedimento per l’omicidio di Giuliano si svolse presso la sezione istruttoria della corte d’appello di Palermo dal marzo al settembre del 1954. Due degli imputati, Pisciotta e Verdiani, erano morti e i quattro imputati viventi , il capitano Perenze, un brigadiere e due carabinieri, erano accusati di favoreggiamento, di falsità ideologica e di falsa testimonianza. La sentenza dichiarava di non doversi procedere contro Perenze perché il reato di favoreggiamento era estinto per amnistia, per falsità ideologica in atto pubblico perché “persona non punibile per avere agito in stato di necessità” e di non doversi procedere anche per gli altri imputati (la sentenza in Testo integrale, vol, II, pp. 410-418, 1384-1392).

Coevamente e successivamente molti personaggi implicati nelle vicende di quegli anni sono scomparsi. Il trentatreenne deputato monarchico Giacomo Cusumano Geloso è morto per cause naturali o avvelenato o suicida. Nel settembre del 1960 viene ucciso Benedetto Minasola. Anche Filippo Riolo, capomafia di Piana degli Albanesi, incriminato per la morte di Pisciotta e prosciolto, è ucciso nel luglio del 1961. Nel 1975 vengono uccisi gli ex banditi Angelo Genovese e Remo Corrao, parente dei Miceli. Uccisi anche i mafiosi Ignazio Miceli e Domenico Albano.

Recentemente si è messa in dubbio anche la morte di Giuliano. Si è ipotizzato che al posto del bandito sia stato ucciso un sosia e che il bandito si sia rifugiato chissà dove. Il 2 novembre

2010 si è aperta la tomba e si sono avviate le ricerche sul Dna dei resti comparandoli con quelli di un familiare. I risultati confermerebbero che i resti sepolti nel cimitero di Montelepre sono quelli del bandito.

Negli ultimi anni  si è  profilata la tesi che Giuliano sia stato formalmente affiliato alla mafia e abbia agito su suoi ordini e per i suoi interessi (Petrotta 2018). In realtà quella di Giuliano, sia stato o meno un mafioso, è la carriera di un bandito che, alla ricerca di un ruolo al di là di quello meramente criminale e dell’impunità, è entrato in un gioco politico che è finito con l’abbandono e la morte quando non serviva più.

 

I delitti della banda Giuliano

Omicidi: 306, di cui 98 appartenenti alle forze dell’ordine
Tentati omicidi: 178
Stragi: 11
Sequestri di persona: 37
Estorsioni e rapine: 37
Conflitti a fuoco: 86
Banditi arrestati e condannati: 60
Favoreggiatori arrestati: 300
Processi: 690

Fonte: Giovanni Lo Bianco, Il carabiniere e il bandito, Resoconto inedito della fine di Salvatore Giuliano, Mursia, Milano 1999, p. 285.

 

Bibliografia  (in ordine cronologico)

Lucio Tasca, Elogio del latifondo siciliano, Ires, Palermo 1941.
Vito Sansone – Gastone Ingrascì, 6 anni di banditismo in Sicilia, Le edizioni sociali, Milano 1950.
Franco Grasso, A Montelepre hanno piantato una croce. Danilo Dolci missionario civile nella zona della mafia e del banditismo, Edizioni Avanti!, Milano-Roma 1956.
Gavin Maxwell, God protect me from my Friends, Readers Union, Longmans, Green, London 1957; trad. it. Dagli amici mi guardi Iddio. Vita e morte di Salvatore Giuliano, Feltrinelli, Milano 1957.
Tommaso Besozzi, La vera storia del bandito Giuliano, Vitagliano, Milano 1959; Milieu edizioni, Milano 2017.
Tullio Kezich (a cura di), Salvatore Giuliano, edizioni FM, Roma 1961 (sul film di Rosi).
Filippo Gaia, L’esercito della lupara, Area, Milano 1962, Maquis, Milano 1990.
Giuseppe Berto, L’uomo e la sua morte (Salvatore Giuliano), Morcelliana, Brescia 1964.
Andrea Finocchiaro Aprile, Il Movimento Indipendentista Siciliano, a cura di Massimo Ganci, Edizioni Libri siciliani, Palermo 1966.
Salvo Di Matteo, Anni roventi. La Sicilia dal 1943 al 1947, Denaro editore, Palermo 1967.
Francesco Barone, Una vita per Giuliano, Immordino Editore, Genova 1968.
Giuseppe Calandra, Memoriale, inedito, senza data, presumibilmente anni ’60-’70.
Giuseppe Carlo Marino, L’ideologia sicilianista, Flaccovio, Palermo 1971.
Salvatore Nicolosi, L’impero del mitra. I briganti siciliani del dopoguerra, Bonanno editore, Catania 1972, Longanesi, Milano1975-1978, Tringale, Catania 1984.
Testo integrale della relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia, vol. II, Cooperativa Scrittori, Roma 1973, Relazione sui rapporti tra mafia e banditismo in Sicilia, pp. 9-57, 983-1031.
Salvo Barbagallo, Una rivoluzione mancata, Bonanno, Catania 1974.
Pasquale Sciortino, Zàgara arance e limoni, Vallecchi, Firenze 1974.
Salvatore Nicolosi, Di professione brigante. Le bande siciliane del dopoguerra, Longanesi, Milano 1976.
Francesco Renda, Il movimento contadino in Sicilia, De Donato, Bari 1976.
Francesco Paternò Castello, Il Movimenti per l’indipendenza della Sicilia. Memorie del duca di Carcaci, Flaccovio, Palermo 1977.
Salvatore Nicolosi, Il bandito Giuliano, Longanesi, Milano 1977.
Umberto Santino, Fine dell’unità antifascista e ricomposizione del blocco dominante in Sicilia, in Autori vari, Ricomposizione del blocco dominante, lotte contadine e politica delle sinistre in Sicilia (1943-1947), Materiali del Centro siciliano di documentazione, Cooperativa editoriale Cento fiori, Palermo 1977, pp. 1-32;
Aristide Spanò, Faccia a faccia con la mafia, Mondadori, Milano 1978.
Giuseppe Carlo Marino, Storia del separatismo siciliano. 1943-1947, Editori Riuniti, Roma 1979.
Turiddu Bella, Turi Giuliano re di li briganti, Brancato, Catania 1980.
Salvatore Nicolosi, Sicilia contro Italia (Il separatismo siciliano), Tringale editore, Catania 1981.
Sandro Attanasio, Gli anni della rabbia. Sicilia 1943-1947, Mursia, Milano, 1984.
Mario Puzo, Il siciliano, Dall’Oglio, Milano 1984.
Walter Addaura, Salvatore Giuliano . Materiali per una ricerca sul mito del buon brigante, Le edizioni de “il foglio”, Palermo 1985.
Sandro Attanasio – Pasquale Sciortino -, Storia di Salvatore Giuliano di Montelepre, Edi-Kronos, Palermo 1985.
Enzo Magrì, Salvatore Giuliano, Mondadori, Milano 1987.
Mariannina Giuliano, Giuseppe Sciortino Giuliano, Mio fratello Salvatore Giuliano, Casa editrice “La rivalsa”, Montelepre 1987.
Giuseppe Montalbano, Giuliano e la strage di Portella della Ginestra, Edizioni Krinon, Caltanissetta 1988.
Marcello Cimino, Un’inchiesta sul separatismo siciliano, Istituto Gramsci Siciliano, Palermo 1988.
Pasquale Sciortino, Salvatore Giuliano uomo vero tra uomini veri, Editrice Unione siciliani nel mondo, Köniz 1988.
Carlo Ruta, Il binomio Giuliano-Scelba. Un mistero della Repubblica?, Rubbettino, Soveria Mannelli 1995.
Giuseppe Mazzola, Banditismo, mafia e politica, Edizione Mons Celeber, Montelepre 1996.
Ignazio Buttitta, La vera storia di Salvatore Giuliano, Sellerio, Palermo 1997.
Giuseppe Casarrubea, Portella della Ginestra. Microstria di una strage di Stato, Franco Angeli, Milano 1997.
Umberto Santino, La democrazia bloccata. La stage di Portella della Ginestra e l’emarginazione delle sinistre, Rubbettino, Soveria Mannelli 1997.
Barrese Orazio – D’Agostino Giacinta, La guerra dei sette anni. Dossier sul bandito Giuliano, Rubbettino, Soveria Mannelli 1997.
Di Lello Giuseppe, La vicenda di Salvatore Giuliano in Storia d’Italia, Annali, vol. XII, Einaudi, Torino 1997, pp: 567-589.
Rossella Soresi, Sulle tracce di Giuliano cinquant’anni dopo, Testimonianze inedite, Ila Palma, Palermo 1997.
Giuseppe Casarrubea, “Fra’ Diavolo” e il governo nero, “Doppio Stato” e stragi nella Sicilia del dopoguerra, F. Angeli, Milano 1998.
Giovanni Lo Bianco, Il carabiniere e il bandito, Resoconto inedito della fine di Salvatore Giuliano, Mursia, Milano 1999.
Giuseppe Casarrubea, Salvatore Giuliano. Morte di un capobanda e dei suoi luogotenenti, F. Angeli, Milano 2001.
Francesco Renda, Salvatore Giuliano. Una biografia storica, Sellerio, Palermo 2002.
Vincenzo Vasile, Salvatore Giuliano. Bandito a stelle e strisce, Baldini e Castoldi, Milano 2004.
Vincenzo Vasile, Turiddu Giuliano. Il bandito che sapeva troppo, con un saggio di Aldo Giannuli, Nuova Iniziativa Editoriale, l’Unità, Roma 2005.
Beatrice Monroy, Portella della Ginestra. Indice dei nomi proibiti, Ediesse, Roma 2005.
Carlo Maria Lomartire, Il bandito Giuliano. La prima storia di criminalità, politica e terrorismo nell’Italia del dopoguerra, Mondadori, Milano 2007.
Girolamo Li Causi, Terra di frontiera. Una stagione politica in Sicilia 1944-1960, a cura di Davide Romano, La Zisa, Palermo 2008.
Giuseppe Casarrubea – Mario J. Cereghino, Lupara nera. La guerra segreta alla democrazia in Italia 1943-1947, Bompiani, Milano 2009.
Francesco Petrotta, La strage e i depistaggi. Il castello d’ombre su Portella della Ginestra, Ediesse, Roma 2009.
Salvatore Badalamenti, Montelepre, il dopoguerra e i misteri di Giuliano, La Zisa, Palermo 2009.
Enzo Catania, Salvatore Giuliano, Capostipite dei misteri d’Italia, Aliberti, Roma 2011.
Autori Vari, Portella della Ginestra e il processo di Viterbo. Politica, memoria e uso pubblico della storia (1947-2012), Fondazione Giuseppe Di Vittorio, Ediesse, Roma 2014.
Loriano Macchiavelli, Noi che gridammo al vento, Einaudi, Torino 2015.
Pietro Orsatti, Il bandito della guerra fredda. Dagli archivi ritrovati, la ricostruzione della storia di Salvatore Giuliano e di Portella della Ginestra. Il peccato originale della Repubblica, Imprimatur, Reggio Emilia 2017.
Francesco Petrotta, Salvatore Giuliano uomo d’onore. Nuove ipotesi sulla strage di Portella della Ginestra, La Zisa, Palermo 2018.
Emanuele Macaluso, Portella della Ginestra. Strage di Stato? Castelvecchi, Roma 2018.
Filmografia.
Francesco Rosi, Salvatore Giuliano, 1961. Eriprando Visconti, Il caso Pisciotta, 1972.
Michael Cimino, Il siciliano, 1987 (apologetico).

 

Cronologia 1943-1950

1943

14-26 gennaio. Durante la conferenza di Casablanca Churchill e Roosevelt decidono lo sbarco in Sicilia, che sarà denominato “Operazione Husky”. Sarebbero stati inviati in Sicilia agenti segreti inglesi e americani, che cominciano ad operare servendosi anche della collaborazione di mafiosi. Altri agenti segreti verrebbero inviati nel mese di giugno.
2 febbraio. Resa tedesca a Stalingrado.
Marzo. Scioperi operai nell’Italia settentrionale.
14 aprile. Rivolta nel ghetto di Varsavia.
13 maggio. L’esercito italiano abbandona la Tunisia.
10 giugno. Scioglimento del Komintern, l’organizzazione internazionale dei partiti comunisti.
10-12 giugno. Gli alleati occupano le isole di Pantelleria, Lampedusa e Linosa.
24 giugno. Mussolini pronuncia il “discorso del bagnasciuga”: i nemici appena sbarcati saranno ricacciati indietro.
9 luglio. Sbarco della 5a armata americana e dell’8a armata inglese in Sicilia sulla costa meridionale, nei pressi di Licata.
10 luglio. Le truppe inglesi entrano a Siracusa.
13 luglio. Gli americani entrano a Ragusa.
14 luglio. A Biscari (oggi Acate) e a Piano Stella (in provincia di Ragusa) due militari americani uccidono prigionieri italiani. L’ordine del generale Patton era di uccidere: “kill, kill and kill some more”. I militari furono processati per crimini di guerra, ma uno fu condannato ma scarcerato e l’altro assolto per “avere eseguito ordini superiori”.
17 luglio. Gli americani occupano Agrigento.
22 luglio. Gli americani entrano a Palermo. Si insedia il colonnello dell’OSS (Office of Strategic Services) Charles Poletti. I separatisti chiedono l’indipendenza della Sicilia e la formazione di un governo provvisorio.
25 luglio. Caduta del fascismo. La notizia viene data dalla radio alle 22,45. Arresto di Mussolini. Il re Vittorio Emanuele III assume il comando delle Forze armate e il generale Badoglio viene nominato capo del governo.
26 luglio. Le truppe tedesche iniziano l’occupazione dell’Italia.
3 agosto. A Mascalucia e a Pedara (Catania) la popolazione insorge contro i tedeschi.
5 agosto. Gli inglesi entrano a Catania.
12 agosto. I tedeschi compiono un eccidio a Castiglione di Sicilia (Catania), uccidendo 16 civili,
15 agosto. Scioperi operai a Milano e Torino.
17 agosto. Gli alleati entrano a Messina e finisce la guerra in Sicilia. Nei combattimenti sono caduti 4.276 italiani, 4.325 tedeschi e 5.187 delle forze alleate. Durante il mese di agosto l’AMGOT (Allied Military Government of Occupied Territories) nomina i sindaci al posto dei podestà fascisti: molti di essi sono separatisti, come l’agrario Lucio Tasca, nominato sindaco di Palermo, e ci sono anche dei capimafia, come Calogero Vizzini, nominato sindaco di Villalba. Il capomafia Vito Genovese, rientrato dagli Stati Uniti, dove aveva sostenuto il fascismo ed avrebbe ucciso il sindacalista Carlo Tresca, collabora con Poletti e si incontrerà successivamente con il bandito Giuliano.
2 settembre. Nei pressi di Montelepre (Palermo) il giovane Salvatore Giuliano per impedire il sequestro di un sacco di frumento di contrabbando uccide il carabiniere Antonio Mancino e si dà alla latitanza.
3 settembre. A Cassibile (in provincia di Siracusa) viene firmato l’armistizio fra l’Italia e gli alleati.
8 settembre. Badoglio annuncia la firma dell’armistizio. Il re e il governo si trasferiscono a Brindisi.
9 settembre. Le truppe tedesche occupano l’Italia settentrionale e centrale. Gli americani sbarcano a Salerno e gli inglesi a Taranto.
23 settembre. Mussolini, liberato dai nazisti, costituisce con i suoi fedelissimi la Repubblica di Salò.
13 ottobre. Il governo italiano dichiara guerra alla Germania.
6 dicembre. A Palermo incontro segreto di capi separatisti. Vi partecipa il capomafia Calogero Vizzini. Antonino Varvaro, rappresentante dell’ala “sinistra” del MIS (Movimento per l’Indipendenza della Sicilia), osserva che Vizzini non figura tra gli iscritti. Vizzini risponde: “Vossia non si preoccupi degli iscritti di oggi. Perché non pensa a quelli di domani? In qualunque momento, se sarà necessario, io faccio un cenno, e un’ora dopo tutte le camere del lavoro della provincia sono bruciate. Queste sono le tessere che porto io”.
16 dicembre. Esponenti della Democrazia cristiana si incontrano a Caltanissetta.
18 dicembre. Passa da Palermo il ministro degli Esteri sovietico Vishinsky. Lo incontra, in segreto, il comunista Giuseppe Montalbano.
Dicembre. Giuliano uccide il tenente dei carabinieri Aristide Gualtieri, a suo avviso responsabile di aver infierito sul padre per costringerlo a rivelare il suo nascondiglio

 

1944

10 gennaio. In Sicilia il governo militare alleato consente la ricostituzione dei partiti politici.
30-31 gennaio. Nella notte parenti e amici di Giuliano, arrestati per aver favorito la sua latitanza, riescono ad evadere dal carcere di Monreale. È il primo nucleo della banda che presto diventerà famosa. Giuliano viene considerato il classico bandito che toglie ai ricchi per dare ai poveri.  
14 febbraio. Gli alleati consegnano la Sicilia all’amministrazione italiana.
3-9 marzo. Sciopero generale nell’Italia occupata.
14 marzo. L’Unione Sovietica riconosce ufficialmente il governo Badoglio.
28 marzo. Arriva a Napoli dall’Unione Sovietica Palmiro Togliatti. Viene annunciata la politica del PCI di collaborazione con le altre forze antifasciste (“svolta di Salerno”).
29 marzo. A Partinico (Palermo), durante una dimostrazione contro il carovita, rimane ucciso per un colpo d’arma da fuoco il ragazzo Lorenzo Pupillo. Il maresciallo Benedetto Scaglione, ritenuto responsabile della morte del ragazzo, viene ferito da una bomba e muore dissanguato.
30 marzo. Francesco Musotto, filoseparatista, viene nominato Alto Commissario per la Sicilia.
22 aprile. Secondo governo Badoglio. Il democristiano Salvatore Aldisio viene nominato ministro degli Interni, il comunista Fausto Gullo ministro dell’Agricoltura.
27 maggio. A Regalbuto (Enna), durante un raduno separatista, viene ucciso il segretario della federazione provinciale comunista Santi Milisenna. L’omicidio è rimasto impunito.
28 maggio. A Licata (Agrigento), nel corso di una manifestazione di protesta contro l’ufficio di collocamento, in cui era ritornato il collocatore fascista, agenti e carabinieri sparano sulla folla: 3 morti e una ventina di feriti. Successivamente alcuni manifestanti saranno condannati per “insurrezione armata contro i poteri dello Stato”.
4 giugno. Le truppe americane entrano a Roma.
5 giugno. Il re Vittorio Emanuele III si ritira a vita privata. Il figlio Umberto II è “luogotenente del regno”.
6 giugno. Sbarco degli alleati in Normandia.
16 giugno. Le truppe tedesche indietreggiano e si attestano sulla “linea gotica”, a nord di Firenze.
18 giugno. Il democristiano Salvatore Aldisio viene nominato Alto Commissario per la Sicilia in sostituzione di Francesco Musotto.
15 luglio. “La Voce Comunista” annuncia che la direzione del Partito Comunista ha deciso di inviare Girolamo Li Causi in Sicilia.
6 agosto. A Casteldaccia (Palermo) omicidio di Andrea Raia, organizzatore comunista e membro del comitato di controllo dei granai del popolo. Secondo “La Voce Comunista2 del 12 agosto: “I mandanti sono da ricercare nei grossi proprietari fascisti e separatisti di Casteldaccia”. L’omicidio rimane impunito.
16 settembre. A Villalba /Caltanissetta) roccaforte della mafia, attentato al segretario regionale del Partito comunista Girolamo Li Causi, ad opera di Calogero Vizzini e altri mafiosi. Vizzini si dà alla latitanza ma svolge un’intensa attività politica a favore contemporaneamente del separatismo e della Democrazia Cristiana. Sarà condannato nel 1949 a 5 anni di carcere, assieme al nipote Beniamino Farina, subentratogli nella carica di sindaco.
16 settembre. Nel corso di uno scontro a fuoco con dei militari, Giuliano uccide il tenente Felice Testa.
19 ottobre. A Palermo, durante una manifestazione contro il carovita davanti alla Prefettura, in via Maqueda, l’esercito spara sulla folla. Secondo le dichiarazioni ufficiali i morti furono 19 e 108 i feriti. Secondo il Comitato di Liberazione i morti furono 30 e i feriti 150. Tra le vittime molti ragazzi. Il processo contro i militari ritenuti responsabili del massacro si svolgerà a Taranto e si concluderà nel febbraio del 1947 con la concessione dell’amnistia.
19 ottobre. Il ministro dell’Agricoltura Fausto Gullo emette i decreti per la concessione delle terre incolte e malcoltivate ai contadini e per la modifica dei patti agrari: il 60 per cento del prodotto ai coltivatori,. il 40 per cento ai proprietari. In Sicilia sorgono problemi sull’applicazione del decreto.
14 dicembre. A Catania, durante una manifestazione di protesta contro la chiamata alle armi, un giovane viene ucciso da colpi di moschetto sparati dai soldati.

 

1945

Gennaio. Moti di protesta contro la chiamata alle armi, soprattutto nel ragusano. A Comiso, dove viene proclamata una repubblica autonoma, gli scontri più gravi: 19 morti tra i rivoltosi e 15 fra i militari. I moti antileva avevano una base popolare, ci fu la strumentalizzazione dei separatisti ma agivano anche componenti democratiche.
Febbraio. Conferenza di Yalta, in Crimea, fra i vincitori della Seconda guerra mondiale. Il mondo viene diviso in due grandi aree di influenza sotto il controllo delle superpotenze occidentali e dell’Unione Sovietica.
12 aprile. In seguito alla morte di Roosevelt diviene presidente degli Stati Uniti Harry Truman. Il suo programma ha come punto centrale il contenimento dell’influenza sovietica.
17 aprile. Gli alleati sfondano la linea gotica e si dirigono verso Bologna.
24 aprile. Nel campo di concentramento di Mauthausen viene ucciso nelle camere a gas Carmelo Salanitro, docente in un liceo di Catania ed ex militante del Partito popolare. I partigiani siciliani impegnati nella lotta antifascista furono 4.600, 605 i caduti di cui almeno 500 periti nei campi di sterminio in Germania.
25 aprile. I partigiani occupano Milano.
Maggio. Si forma il primo nucleo dell’EVIS (Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia) sotto il comando di Antonio Canepa, figura-simbolo del “separatismo rivoluzionario”. I capi separatisti prendono contatti con il bandito Giuliano.
11 maggio. Con il crollo del Terzo Reich finisce la guerra in Europa.
2 giugno. Colpi di arma da fuoco contro il segretario dalla Camera del lavoro di Vicari (Palermo), Antonino Innati.
17 giugno. In provincia di Catania, in un conflitto a fuoco con i carabinieri, cadono Antonio Canepa e gli studenti Giuseppe Lo Giudice e Carmelo Rosano.
20 giugno. A San Giuseppe Jato (Palermo) la banda Giuliano uccide il maresciallo Scimone.
21 giugno. Si forma il governo Parri. Ministro della Giustizia è Palmiro Togliatti, segretario del Partito comunista.
Luglio. Nel corso del raccolto in vari feudi della provincia di Palermo uomini armati intervengono per impedire ai contadini di dividere il prodotto a 60 e 40 come vuole il decreto Gullo. Carabinieri e polizia intervengono a favore dei proprietari.
6 e 9 agosto. Bombardamenti atomici a Hiroshima e Nagasaki. Il 14 agosto si arrende il Giappone e finisce la seconda guerra mondiale.
Agosto-settembre. Si forma un raggruppamento armato separatista con volontari e banditi di Niscemi, sotto il comando di Concetto Gallo. I capi separatisti approvano l’alleanza con i banditi e nominano il bandito Giuliano colonnello dell’EVIS.
18 settembre. A Palma di Montechiaro (Agrigento) in un conflitto a fuoco con dei banditi rimangono uccisi 2 carabinieri.
3 ottobre. Arresto dei capi separatisti Finocchiaro Aprile e Varvaro, che vengono confinati nell’isola di Ponza.
16 ottobre. Nei pressi di Niscemi in un conflitto a fuoco con dei banditi cadono 3 carabinieri.
19 ottobre. Viene istituito l’Ispettorato generale di pubblica sicurezza per il coordinamento delle operazioni della polizia e dei carabinieri in Sicilia, diretto dall’ispettore Ettore Messana, funzionario di polizia che nel 1919 a Riesi (Caltanissetta) aveva ordinato il fuoco contro i contadini in lotta per la riforma agraria e l’espropriazione dei latifondi, provocando la morte di 11 dimostranti. Successivamente era stato considerato criminale di guerra per gli eccidi di cittadini sloveni.
25 novembre. A Cattolica Eraclea (Agrigento) viene ucciso il segretario della Camera del lavoro Giuseppe Scalia. Omicidio impunito.
4 dicembre. A Ventimiglia (Palermo) uccisione del segretario della sezione del Partito Comunista Giuseppe Puntarello. Omicidio impunito.
10 dicembre. Primo governo De Gasperi, con 8 ministri socialisti e comunisti.
26 dicembre. La banda Giuliano attacca la caserma dei carabinieri di Bellolampo, nei pressi di Palermo.
29 dicembre. Nei pressi di Caltagirone (Catania) in uno scontro tra carabinieri e separatisti cadono 3 carabinieri, 2 soldati e un civile. Ferito e catturato Concetto Gallo.

 

1946

18 gennaio. Nei pressi di Montelepre in un’imboscata della banda Giuliano cadono 4 militari. Nel corso dell’anno la banda Giuliano ucciderà decine tra carabinieri e soldati, altri cadranno in conflitti a fuoco con altre bande. Un rapporto ufficiale fornisce i seguenti dati: 56 carabinieri uccisi in conflitti con malfattori, 45 in altre operazioni di servizio, 169 feriti in conflitti a fuoco, 588 in altre operazioni.
28 gennaio. Al feudo Nobile, in territorio di Gela, 8 carabinieri, sequestrati il 10 gennaio, vengono uccisi dai separatisti e dai banditi niscemesi.
3 marzo. Vengono rilasciati Finocchiaro Aprile e Varvaro, accolti trionfalmente a Palermo.
7 marzo. A Burgio (Agrigento) attentato al segretario della Camera del lavoro Antonino Guarisco, che rimane ferito. Viene colpita a morte la passante Masina Perricone Spinelli.
10 marzo. Iniziano le elezioni amministrative in Sicilia che si protrarranno fino al 7 aprile. In 59 comuni vince la Democrazia cristiana da sola e in altri 26 alleata con altri partiti; i socialisti e i comunisti da soli vincono in 37 comuni, con altri partiti in 26 comuni.
12 marzo. A Palermo, durante uno sciopero di protesta contro la mancanza di generi alimentari, agenti e carabinieri usano le armi. Rimangono uccisi un commissario di PS (forse per i colpi sparati da un carabiniere) e un operaio del Cantiere navale.
19 aprile. A seguito delle dimissioni presentate da Aldisio per la sua candidatura all’Assemblea Costituente, viene nominato Alto Commissario per la Sicilia Iginio Coffari. Resterà in carica fino al 3 agosto.
26 aprile. A San Cipirello (Palermo) la banda Giuliano uccide 2 fratelli perché avevano abbandonato la banda e collaboravano con i carabinieri.
15 maggio. Viene promulgato lo Statuto della Regione siciliana, che farà parte della Costituzione della Repubblica italiana.
16 maggio. A Favara (Agrigento) viene ucciso il sindaco socialista Gaetano Guarino Delitto impunito.
28 maggio. Il luogotenente del regno Umberto II giunge a Palermo, accolto da calorose manifestazioni. Al suo fianco, in diverse manifestazioni, il cardinale Ruffini.
1 giugno. A Trabia (Palermo) uccisione del sindacalista Nunzio Passafiume.
2 giugno. Al referendum istituzionale vince la Repubblica con 12.718.641 voti (54,3 per cento) mentre la Monarchia ha 10.718.502 voti (45,7 per cento). In Sicilia la Monarchia ha 1.303.560 voti (64,7 per cento), la Repubblica 709.735 voti (35,3 per cento). Votano Monarchia soprattutto le città.
Alle elezioni per l’Assemblea Costituente la DC ha in tutt’Italia il 35,2 per cento, i socialisti il 20,7 per cento, i comunisti il 19 per cento.
Nel corso del mese di giugno il ministro per la Giustizia Togliatti vara il provvedimento di amnistia per i delitti politici. Buona parte dei corpi istituzionali rimarrà formato dai vecchi dirigenti.
18 giugno. A Palermo la banda Giuliano tenta di sequestrare il dott. Fausto Orestano, direttore della clinica che porta il suo nome. Successivamente nel corso di un altro tentativo di sequestro verrà ucciso il figlio Luigi. Nel corso dell’anno e successivamente si succedono vari sequestri di persona a scopo estorsivo.
28 giugno. Uccisione del sindaco socialista di Naro (Agrigento) Pino Camilleri. Omicidio impunito.
12 luglio. Secondo governo De Gasperi. Gullo lascia il ministero dell’Agricoltura al democristiano Segni e passa al ministero della Giustizia.
5 agosto. A Caccamo (Palermo), per questioni connesse con l’ammasso del grano, inizia uno scontro che si protrae per tre giorni fra contadini, carabinieri e agenti di pubblica sicurezza: 20 morti e 60 feriti tra i rivoltosi, 4 morti e 21 feriti tra le forze dell’ordine.
22 settembre. Ad Alia (Palermo) una bomba nella casa del segretario della locale Camera del lavoro provoca la morte dei contadini Giovanni Castiglione e Girolamo Scaccia e 13 feriti. Delitto impunito.
14 ottobre. Il Consiglio dei ministri nomina nuovo Alto Commissario per la Sicilia l’avv. Giovanni Selvaggi, che avrà come vice il prefetto Paolo D’Antoni.
22 ottobre. A Santa Ninfa (Trapani) viene ucciso il mezzadro della Federterra Giuseppe Biondo. Omicidio impunito.
2 novembre. A Belmonte Mezzagno (Palermo) vengono uccisi 3 fratelli contadini. Delitto impunito.
28 novembre. A Comitini (Agrigento) uccisione del contadino comunista Paolo Forno. Omicidio impunito.
21 dicembre. A Baucina (Palermo) viene assassinato il segretario della Camera del lavoro Nicolò Azoti. Omicidio impunito.

 

1947

4 gennaio. A Sciacca (Agrigento) uccisione del segretario della Camera del lavoro e dirigente del Partito comunista Accursio Miraglia. La Questura di Agrigento indica i nomi degli uccisori (mandante il proprietario terriero Enrico Rossi, esecutori Calogero Curreri, Carmelo Di Stefano, Pellegrino Marciante) ma la Corte d’appello di Palermo avoca a sé le indagini e assolve in istruttoria gli esecutori, rei confessi, che avevano ritrattato la confessione adducendo di essere stati torturati. Si aprirà un’inchiesta sugli ufficiali di polizia, accusati di sevizie, che saranno assolti per non aver commesso il fatto, ma l’inchiesta contro gli uccisori di Miraglia non sarà riaperta.
17 gennaio. A Ficarazzi (Palermo) uccisione del comunista Pietro Macchiarella. Lo stesso giorno al Cantiere navale di Palermo alcuni mafiosi, capeggiati dal boss dell’Acquasanta Nicola D’Alessandro, feriscono due operai.
Nel corso del mese di gennaio avviene la scissione socialista: con il sostegno degli americani i socialdemocratici guidati da Giuseppe Saragat abbandonano il PSIUP e fondano il PSLI, successivamente PSDI. Nello stesso mese De Gasperi si reca negli Stati Uniti.
2 febbraio. Terzo governo De Gasperi. I ministri socialisti e comunisti scendono da 8 a 6. Mario Scelba diventa ministro degli Interni.
Febbraio. Firma del Trattato di pace tra le grandi potenze vincitrici della guerra e l’Italia.
5 marzo. Il premier inglese Winston Churchill pronuncia negli Stati Uniti il discorso della “cortina di ferro” che avvia la “guerra fredda”. Il 12 il presidente degli Stati Uniti Truman enuncia la sua “dottrina”: gli USA interverranno dappertutto per “fermare il comunismo”.
7 marzo. A Messina, durante una manifestazione contro il carovita, i carabinieri al grido “Avanti Savoia!” sparano sulla folla: 2 morti e 15 feriti.
20 aprile. Alle elezioni regionali vincono le forze di sinistra raccolte nel Blocco del popolo.
27 aprile. Il cognato di Giuliano Pasquale Sciortino consegna al capobanda una lettera. Dopo averla letta Giuliano dice ad alcuni membri della banda: “È giunta l’ora della nostra liberazione”. La lettera viene bruciata.
1° maggio. Strage di Portella della Ginestra: 12 morti e 33 feriti. Prima della strage viene  sequestrato e ucciso il campiere Emanuele Busellini. Due giorni dopo un incidente automobilistico coinvolge agenti alla ricerca dei responsabili: 2 morti e 26 feriti. Il comandante del gruppo dei carabine di Palermo telegrafa:”Vuolsi trattarsi organizzazione mandanti appoggiati mafia at sfondo politico”. Vengono arrestati alcuni capimafia ma sono rilasciati e si indicano come responsabili della strage i banditi della banda Giuliano. Il ministro Scelba dichiara all’Assemblea costituente: “non c’è un movente politico”. Girolamo Li Causi dichiara: “il banditismo politico è diretto dall’Ispettore Messana”. Poco prima o dopo la strage il bandito Giuliano incontra il giornalista americano, legato ai servizi segreti, Michael Stern. Gli consegna una lettera per il Presidente americano Truman, in cui chiede di annettere la Sicilia agli Stati Uniti. La cancelleria della Casa Bianca cestina la lettera, con una nota: “È un criminale che si atteggia a moderno Robin Hood”.
13 maggio. Apertura della crisi politica con le dimissioni del governo De Gasperi. Il presidente della Repubblica De Nicola affida l’incarico di formare il nuovo governo prima a Francesco Saverio Nitti, poi a Vittorio Emanuele Orlando, infine a De Gasperi.
25 maggio. Si insedia l’Assemblea regionale siciliana. Il 28 viene eletto presidente il qualunquista Ettore Cipolla, accusato per apologia del fascismo.
30 maggio. Si forma il primo governo regionale siciliano: un monocolore democristiano, appoggiato dalle forze di centro-destra, presieduto da Giuseppe Alessi.
31 maggio. Nuovo governo De Gasperi, un monocolore democristiano con l’appoggio di liberali e qualunquisti. I socialisti e i comunisti da ora in poi saranno all’opposizione.
22 giugno. In provincia di Palermo attacchi alle sezioni del Partito comunista di Partinico, Borgetto e Cinisi, alle sedi della Camera del lavoro di Carini e San Giuseppe Jato e alla sezione del Partito socialista di Monreale. A Partinico muoiono Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Jacono. Esecutori degli attacchi a Partinico e Borgetto furono i banditi della banda Giuliano, altrove i mafiosi locali. A Partinico un manifesto, a firma Giuliano ma evidentemente non di suo pugno, incita i siciliani a lottare contro la “canea rossa” e annuncia la costituzione di un quartier generale di lotta antibolscevica, promettendo sussidi alle famiglie di quanti si sarebbero presentati al feudo Sagana, nelle vicinanze di Partinico.
26-27 giugno. Uccisione del bandito Salvatore Ferreri, detto Fra’ Diavolo. Aveva dichiarato di essere confidente dell’ispettore Messana.
15 luglio. L’ispettore Messana è sollevato dall’incarico. Al suo posto vanno Francesco Spanò, collaboratore del prefetto Cesare Mori nelle operazioni antimafia durante il fascismo, successivamente Domenico Coglitore, questore di Napoli e Ciro Verdiani, ex ispettore dell’Ovra, la polizia segreta del regime fascista, che intratterrà rapporti con capimafia e con il bandito Giuliano.
21 settembre. La “Voce della Sicilia”, quotidiano del Partito comunista, pubblica una lettera del bandito Giuliano, in cui sostiene di non essere responsabile della strage di Portella della Ginestra. Girolamo Li Causi risponde invitando il bandito a dire tutto quello che sa.
7 ottobre. Si costituisce il Cominform, l’ufficio di informazione dei partiti comunisti sovietico, jugoslavo, bulgaro, rumeno, cecoslovacco, ungherese, francese e italiano. La sua costituzione era stata deliberata nel corso della conferenza dei partiti comunisti svoltasi a Varsavia dal 22 al 27 settembre ed è la risposta alla politica anticomunista del governo americano e dei suoi alleati.
22 ottobre. A Terrasini (Palermo) uccisione di Giuseppe Maniace, segretario della Confederterra e membro del PCI. Omicidio impunito.
Novembre-dicembre. Si svolgono incontri e iniziative varie che portano alla costituzione del Fronte democratico popolare che si presenterà con una lista unitaria alle prossime elezioni politiche, estendendo a livello nazionale l’esperienza del Blocco del popolo alle elezioni regionali siciliane e alle elezioni amministrative a Roma.
8 novembre. A Marsala (Trapani) uccisione di Vito Pipitone, segretario della Confederterra. Omicidio impunito.
21 novembre. A Partinico i banditi feriscono a morte il tenente colonnello Luigi Geronazzo.
21 dicembre. A Canicattì (Agrigento) durante uno sciopero le forze dell’ordine usano le armi: rimangono uccisi 3 manifestanti.
31 dicembre. In un rapporto dell’Ispettorato generale di Pubblica Sicurezza per la Sicilia si dà notizia di un tentativo di attentato della banda Giuliano a Girolamo Li Causi.

 

1948

2 marzo. A Petralia Soprana (Palermo) viene ucciso il socialista Epifanio Li Puma. Omicidio impunito.
10 marzo. A Corleone scompare il segretario della Camera del lavoro Placido Rizzotto. Il bambino Giuseppe Letizia, in stato di shock per avere assistito all’uccisione di Rizzotto, morirà in seguito alle “cure” prestate dal medico capomafia Michele Navarra e dal dottor Ignazio Dell’Aira. Verrà processato il giovane Luciano Liggio, assolto per insufficienza di prove.
20 marzo. Il segretario di Stato americano Marshall minaccia la sospensione degli aiuti all’Italia (Piano Marshall), in caso di vittoria del Fronte popolare alle elezioni di aprile.
30 marzo. A Pantelleria, durante una manifestazione contro le tasse, i carabinieri usano le armi contro i manifestanti: 3 morti e 14 feriti.
2 aprile. A Camporeale (Palermo) assassinio del segretario della Confederterra ed esponente socialista Calogero Cangelosi. Viene indicato come mandante il capomafia Vanni Sacco, ma l’omicidio rimane impunito.
17 aprile. La banda Giuliano uccide il capomafia Santo Fleres e altri mafiosi di Partinico.
18 aprile. Alle elezioni politiche la DC ottiene il 48,5 per cento dei voti, le sinistre il 31 per cento. In Sicilia la DC ha il 47 per cento. Il giorno delle elezioni, decisive nella storia della nuova Repubblica, a Barrafranca (Enna) alcuni mafiosi aggrediscono il segretario provinciale della Federterra Pino Vicari, ferendolo seriamente. I carabinieri presenti non arrestano gli aggressori.
11 giugno. A Partinico i banditi uccidono il possidente Marcantonio Giacalone, con il figlio Antonio, perché si era rifiutato di sborsare una somma di denaro.
14 luglio. Attentato a Palmiro Togliatti. L’attentatore è un giovane anticomunista. Sciopero generale, manifestazioni di protesta e scontri con la polizia con 40 morti e centinaia di feriti. Il segretario del Partito comunista invita alla calma. Segue la scissione sindacale, con la formazione della Cisl, legata alla Democrazia cristiana e successivamente della Uil, legata ai socialdemocratici; la Cgil, che prima era il sindacato unitario, ora è legata al Partito comunista e al Partito socialista.
3 settembre. A Partinico la banda Giuliano uccide il capitano dei carabinieri Antonino Di Salvo, il maresciallo Nicola Messina e il commissario di PS Celestino Zapponi.
2 ottobre. Viene spedita al direttore del quotidiano “l’Unità” una lettera dattiloscritta firmata Giuliano, in cui si parla di una lettera di un amico intimo di Scelba diretta al bandito, prima della strage di Portella, lettera che Giuliano dichiara di aver distrutto.
26 novembre. La banda Giuliano uccide 3 agenti.
16 dicembre. La banda Giuliano uccide un brigadiere di PS e ferisce 3 agenti.
 
1949

4 gennaio. La banda Giuliano uccide il confidente Carlo Gulino e il nipotino Francesco, di tre anni.
1° maggio. A Portella della Ginestra Girolamo Li Causi rivolge alcune domande al bandito Giuliano: “Quali sono gli uomini della Democrazia cristiana, del Partito monarchico e del Partito liberale che ti hanno spinto al delitto? Da chi ti fu inviata la lettera che ti spinse a compiere la strage?”.
15 maggio. Viene abolito l’Ispettorato di polizia e creato il CFRB (Corpo Forze Repressione Banditismo), al comando del colonnello dei carabinieri Ugo Luca.
9 giugno. Al Senato rappresentanti dei partiti di sinistra presentano una mozione per aprire un dibattito sul banditismo in Sicilia e chiedono l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta. I senatori di sinistra attaccano il ministro Scelba, il Presidente del Consiglio De Gasperi replica affermando che la politica del ministro degli Interni è condivisa da tutto il governo. La richiesta di istituire una commissione parlamentare d’inchiesta viene respinta.
2 luglio. A Portella della Paglia, nei pressi di Piana dei Greci (degli Albanesi), la banda Giuliano uccide 5 agenti.
8 luglio. Tra Alcamo e Partinico, la banda Giuliano uccide il dirigente democristiano Leonardo Renda. Alle elezioni del 18 aprile ’48 la banda aveva appoggiato la Democrazia cristiana. Renda avrebbe invitato il bandito Giuliano a un banchetto, informandone i carabinieri.
19 agosto. A Bellolampo, nei pressi di Palermo, la banda Giuliano fa saltare un automezzo militare: 7 carabinieri morti e 11 feriti.
25 agosto. A San Cipirello la banda Giuliano uccide 2 carabinieri.
29 ottobre. Strage di Melissa, in Calabria. La polizia spara sui contadini che occupano le terre: 3 morti e 16 feriti.
Negli ultimi mesi del 1949 si reca da lui la giornalista svedese Maria Cyliakus e a dicembre il giornalista Jacopo Rizza con un fotografo e un cineoperatore. I servizi giornalistici diffondono ulteriormente la fama del bandito.
24 dicembre. La notte di Natale l’ispettore di polizia Ciro Verdiani incontra segretamente il bandito Giuliano a Giacalone, nei pressi di Monreale.
 

1950

9 gennaio. A Modena la polizia spara durante una manifestazione operaia: 6 morti.
Durante il mese di gennaio il colonnello Luca, tramite la mafia di Monreale, contatta Gaspare Pisciotta.
4 aprile. Giuliano invia a Verdiani e alla magistratura un memoriale in cui dice di essere l’unico responsabile della strage di Portella della Ginestra.
30 aprile. Lettera di Giuliano pubblicata dal giornale “l’Unità”. Il bandito scrive: “Scelba vuol farmi uccidere perché io lo tengo nell’incubo per fargli gravare grandi responsabilità che possono distruggere tutta la sua carriera politica e financo la vita”.
1° maggio. Girolamo Li Causi, parlando a Portella della Ginestra, richiama le domande rivolte al bandito Giuliano l’anno precedente e rivela le risposte del bandito: “Ho aiutato la Democrazia cristiana perché la riconoscevo come la democrazia delle altre nazioni, i monarchici li ho aiutati per obblighi personali”. Ma “l’ora della verità sulla strage non è ancora venuta”, ma “tutto verrà alla luce”.
12 giugno. Presso la Corte d’assise di Viterbo comincia il processo per la strage di Portella della Ginestra, che si concluderà il 3 maggio 1952, con la condanna dei banditi, escludendo il coinvolgimento degli agrari, dei politici e della mafia. I difensori degli imputati sostengono che la banda Giuliano ha agito come un “plotone di polizia” contro il comunismo, che sarebbe stato favorito dalla politica del governo di coalizione antifascista, a favore dei contadini. I mandanti (sono stati indicati alcuni esponenti del Partito monarchico e della Democrazia cristiana) non vengono incriminati. Il bandito Gaspare Pisciotta annuncia clamorose rivelazioni e afferma “Siamo un corpo solo: banditi, polizia e mafia, come il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo”. Accusa il ministro dell’Interno Scelba, che gli avrebbe rilasciato un attestato di benemerenza. L’attestato, con la firma di Scelba, è un falso ma il ministro non poteva non sapere che il colonnello Luca stava tendendo la trappola a Pisciotta, per indurlo a tradire Giuliano. La sentenza di Viterbo venne appellata, il processo di secondo grado si svolse presso la Corte d’assise d’appello di Roma che emise la sentenza il 10 agosto 1956, che confermava molte delle condanne di primo grado. Con sentenza del 4 maggio 1960 la Corte di Cassazione dichiarava inammissibile il ricorso del Pubblico ministero e la sentenza d’appello diventava definitiva.
5 luglio. Uccisione del bandito Giuliano. Secondo la versione più accreditata lo avrebbe ucciso nel sonno il bandito Gaspare Pisciotta, ma con una messinscena, successivamente smascherata, le forze dell’ordine presentano l’uccisione come se fosse avvenuta in un conflitto a fuoco. Sarà il giornalista Tommas Besozz, sul settimanale “L’Europeo” a svelare la messinscena.

 

Gaspare Pisciotta è stato avvelenato nel carcere dell’Ucciardone di Palermo il 9 febbraio del 1954. Il 20 settembre del 1960 a San Giuseppe Jato viene ucciso il capomafia Benedetto Minasola, che aveva consegnato alla polizia alcuni banditi e preparato con Pisciotta il tradimento di Giuliano. Il 29 luglio del 1961 sarà ucciso a Palermo il capomafia di Piana dei Greci Filippo Riolo, incriminato per la morte di Pisciotta e prosciolto.
Nel marzo del 1970 il parlamentare comunista Giuseppe Montalbano presentava alla Commissione parlamentare antimafia un Memoriale dell’onorevole Antonio Ramirea, a lui affidato, in cui si diceva che il monarchico Tommaso Leone Marchesano aveva dato il mandato a Giuliano di sparare a Portella, ma solo a scopo intimidatorio; che lo stesso Marchesano, Gianfranco Alliata e Cusumamo Geloso, anche loro monarchici, erano in contatto con Giuliano; che quello che aveva dichiarato Pisciotta su Leone Marchesano, Alliata e Mattarella era vero; che era stata assicurata l’amnistia a Giuliano se lottava contro i comunisti.
Il 10 febbraio del 1972 la Commissione antimafia approvava una relazione sul banditismo secondo cui le personalità monarchiche e democristiane accusate come mandanti della strage di Portella erano “estranee ai fatti”.
Negli ultimi anni si è sostenuta la tesi che Giuliano fosse legato ai servizi segreti americani e che si fosse rifugiato negli Stati Uniti. Nella tomba ci sarebbe un sosia. Il 2 novembre 2010 si è aperta la tomba nel cimitero di Montelepre e si sono avviate le ricerche sul Dna dei resti comparandoli con quelli di un familiare. I risultati confermerebbero che i resti sepolti nel cimitero di Montelepre sono quelli del bandito. Un’altra tesi vuole che Giuliano fosse affiliato alla mafia, ma la sua carriera rimane quella di un bandito, non di un capomafia.
Sulla strage di Portella si sono sostenute varie tesi: nel gruppo di fuoco ci sarebbero stati anche mafiosi e fascisti e scopo della strage sarebbe stato quello di provocare la reazione dei socialcomunisti e fare un colpo di Stato. In realtà, con l’archiviazione del governo di coalizione antifascista, nel corso del mese di maggio del 1947, e l’alleanza della Democrazia cristiana con i partiti conservatori, indicati come mandanti della strage, lo scopo di emarginare le sinistre è stato raggiunto. E le elezioni del 18 aprile 1948 sanciranno il potere della Democrazia cristiana.