Saviano sfugge al confronto

Saviano sfugge al confronto con il presidente del Centro Umberto Santino su Peppino Impastato

Era già accaduto in occasione della pubblicazione sul quotidiano la Repubblica di una lettera del presidente del Centro Umberto Santino in cui si smentiva, date alla mano, l’affermazione contenuta nel volume La parola contro la camorra secondo cui il film I cento passi aveva “riaperto il processo” ai responsabili dell’assassinio di Peppino Impastato. La lettera, inviata il 25 marzo, è stata pubblicata, con un vistoso taglio, il 3 aprile 2010 e il redattore del quotidiano, per giustificare il ritardo, a un nostro sollecito ci ha informato che avevano chiesto a Saviano di replicare, cosa che non ha fatto.
Ora, dopo la lettera di diffida all’editore Einaudi inviata il 4 ottobre, in cui si chiede la rettifica all’affermazione non veritiera contenuta nel libro, dobbiamo registrare il silenzio stampa di gran parte dei giornali, ad eccezione del Corriere della sera, di Liberazione, della Sicilia e di alcuni blog, il reiterato rifiuto di Saviano a confrontarsi, chiestogli, tra gli altri, da Radio Città aperta che ha mandato in onda un’intervista a Umberto Santino.
La ragione di tale rifiuto è evidente: è una fuga dalla verità, che dimostra quanto il giovane Saviano tiene a quella affermazione non veritiera, che a suo avviso sarebbe la prova più significativa dalla potenza della parola, considerata come una sorta di Logos neoplatonico e di Verbo del vangelo di Giovanni.
Non possiamo che prendere atto del silenzio della stampa italiana, anche di quella democratica e di sinistra, che ha creato o avallato il mito di Saviano, e delIa scarsa considerazione per la verità dei fatti del giovane scrittore ormai assurto a personaggio mediatico internazionale e predicatore televisivo.
Abbiamo espresso solidarietà al giovane scrittore per le minacce ricevute ma già prima del successo avevamo rilevato che Gomorra è un romanzo che confonde fiction e realtà, molto meno utile per la comprensione della camorra di altri testi più documentati e attendibili. Avevamo anche fatto notare che nel volume La bellezza e l’inferno si parla di una telefonata della madre di Peppino allo scrittore, che, da quello che ci dice Felicia, la cognata di Peppino, non risulta essere stata effettuata. Nello stesso testo si parlava del funerale della madre di Peppino in termini inesatti (c’erano “molti ragazzi”, non c’era il sindaco ecc.). Al funerale hanno partecipato centinaia di persone, purtroppo poche di Cinisi, non solo “ragazzi”, c’erano magistrati, giornalisti, protagonisti del movimento antimafia degli ultimi decenni, il sindaco c’era e aveva proclamato, su nostra richiesta, il lutto cittadino, e il saluto laico è stato tenuto dal presidente del Centro Umberto Santino.
Anche questo, assieme a varie imprecisioni, rilevate da più d’uno, che costellano Gomorra, dimostra la superficialità di Saviano e il pochissimo conto in cui tiene l’informazione e la documentazione. Tanto, bisogna credergli sulla Parola!
Centro Impastato