Il pensiero banale sulla mafia

Amelia Crisantino Il pensiero banale sulla mafia Le dichiarazioni del nuovo pentito di mafia Salvatore Facella hanno meritato pochi titoli sui giornali, al momento sembrano altre le emergenze in corso. Facella è figura di secondo piano, non pare che le sue rivelazioni possano cambiare granché in quello che già sappiamo dell’universo mafioso. Eppure non è…

L’importanza dei limoni nella storia di Cosa nostra

Amelia Crisantino L’importanza dei limoni nella storia di Cosa nostra A guardare gli sviluppi della storia, chi penserebbe mai all’importanza dei limoni? Gli stessi frutti che vengono lasciati all’albero perché non conviene raccoglierli, i soli che non sono aumentati di prezzo con l’avvento dell’euro. Certo ci sono state condizioni particolari e concause conclamate, avviene sempre…

L’Antimafia al tempo dei Savoia

Amelia Crisantino L’Antimafia al tempo dei Savoia Davanti alla Commissione Antimafia per quattro giorni a Palermo si sono alternate visioni inconciliabili non solo della mafia, ma anche della questione morale e della politica. Per quanto disincantato, più di un commissario è rimasto incredulo di fronte alla gravità del quadro delineato dalle dichiarazioni dei convocati. Al…

Palermo: il futuro di una città rimasta sconosciuta

Amelia Crisantino Palermo: il futuro di una città rimasta sconosciuta Andando da via Mongitore verso la Cattedrale si ha uno spaccato della città di sicuro non inedito, ma certo istruttivo. Edifici pericolanti ormai da molti anni puntellati con tubature metalliche, le persiane aperte su stanze piccole coi televisori accesi e padre Pio sempre benedicente, un…

Il modello clientelare

Amelia Crisantino Il modello clientelare Le considerazioni che il procuratore aggiunto Alfredo Morvillo ha esternato nell’audizione davanti alla Commissione Antimafia sono molto amare, tanto più che provengono da un uomo toccato in prima persona dalla violenza mafiosa. È triste che proprio il fratello di Francesca Morvillo, moglie di Giovanni Falcone e morta con lui nell’attentato…

Documenti e scritti vari – Il Dio dei mafiosi

Augusto Cavadi Il Dio dei mafiosi Esiste una teologia mafiosa?   A prima vista, sembrerebbe impossibile. Se “possiamo dire con tutta tranquillità teologica che la mafia è qualcosa di radicalmente anti-Dio” perché in essa “la pretesa del potere dell’uomo sull’uomo è esplicita”(1); se “la mafia produce una cultura, di fatto atea, che è antitetica con…

Documenti e scritti vari – La cultura siciliana: indicazioni per una diagnosi

Augusto Cavadi La cultura siciliana: indicazioni per una diagnosi Esiste una cultura siciliana? Vorrei premettere che ho molte riserve nei confronti della formula ‘cultura siciliana’. So che in ambienti di matrice cattolica ha fortuna perché induce coloro che sono animati da sane intenzioni ‘apostoliche’ a sperare di rintracciare una ‘cultura’ strutturata, definita, su cui intervenire…

Se fossi Bush

Augusto Cavadi Se fossi Bush Se fossi Bush, chiederei a Bin Laden un appuntamento a Pechino. Sotto la garanzia del governo cinese, mi presenterei da solo (l’interlocutore arabo parla benissimo l’inglese, a quanto risulta) e con soli due libri in mano: il Corano e la Bibbia. Gli direi: “Da almeno cinque secoli la maggior parte…

Le radici teologiche del peccato di mafia

Augusto Cavadi Le radici teologiche del peccato di mafia “La mafia non è peccato. Se devi confessarti, scegliti un prete intelligente che capisca queste cose e non la faccia troppo lunga”. Se questo consiglio il dottor Guttadauro, medico presso l’Ospedale Civico di Palermo e presunto boss del quartiere Brancaccio, l’avesse manifestato in un pubblico intervento,…